Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

9 escursioni in quota per ogni livello

Tutti in montagna! Le nostre nove escursioni in alta quota hanno qualcosa da offrire per tutti i gusti.

Monte Generoso

Frigoriferi in pietra sul Sonnenberg

Come si fa a mantenere il latte fresco in estate senza un frigorifero? Un grande cilindro transitabile in pietra viene lasciato per due terzi nel terreno, riempito di neve in primavera e su di esso viene immagazzinato il latte. Nevère sono i nomi delle ingegnose costruzioni che si trovano sulle soleggiate Alpi del Monte Generoso, nel Ticino meridionale. Nel XVIII e XIX secolo consentivano agli agricoltori di mantenere i loro prodotti al fresco fino alla fine della stagione alpina, per tutta la durata dunque della neve. Oggi, la maggior parte delle Alpi è stata abbandonata, il Monte Generoso è nelle mani degli escursionisti. Il panorama, la ferrovia a cremagliera e l'imponente ristorante «Fiore di pietra» del celebre architetto Mario Botta ne sono la prova. Alcune Nevère possono comunque ancora essere visitate con una breve e suggestiva escursione in quota sui caldi pendii del Generoso.

  • Partenza: Monte Generoso
  • Percorso: Piana - Nadigh - Alpe Génor - Bellavista.
  • Lunghezza: 5,5 km; 190 m di dislivello in salita, 570 m di dislivello in discesa; 2h.
  • Difficoltà: facile.
  • Da scoprire: prima dell'escursione alla cima del Monte Generoso. Vista panoramica mozzafiato sulle Alpi, sul Ticino e sulla Lombardia.

Pontresina

Dove gli stambecchi osservano gli escursionisti

Per poco non eliminavamo lo stambecco. Alla fine del XIX secolo, nella regione alpina furono abbattuti gli ultimi animali, solo il Re d'Italia ne aveva ancora alcuni nelle sue riserve di caccia. E li sorvegliava con occhio vigile. Tuttavia, due bracconieri sono riusciti a portare in Svizzera alcuni esemplari. Intorno al 1906 iniziò il reinsediamento. Al Piz Albris, vicino a Pontresina, si è registrato un successo in tal senso e la colonia di stambecchi dell'Alta Engadina, che conta oggi circa 1600 animali, è divenuta una delle più grandi della Svizzera. Gli animali non sono timidi: durante l'escursione in quota tra l'Alp Languard e il Muottas Muragl, è possibile avvistare più volte un fiero cervo o una graziosa capra. Inoltre, si può ammirare una vista spettacolare sui laghi dell'Alta Engadina e sulle cime del Piz Bernina ecc. Un vero e proprio tour reale.

  • Partenza: Alp Languard
  • Percorso: Schafberg inferiore - Margun - Muottas Muragl.
  • Lunghezza: 7 km; 325 m di dislivello in salita, 200 m di dislivello in discesa; 2,25h.
  • Difficoltà: media.
  • Da scoprire: dopo gli stambecchi, l'arte: alla fine ci sono opere d'arte a cielo aperto da ammirare sul breve percorso circolare «Senda d'Inspiraziun» sul Muottas Muragl.

Lobhornhütte

Eiger, Mönch e Jungfrau su un vassoio d'argento

«Otto persone o una mucca». Il cartello della piccola funivia che porta da Isenfluh a Sulwald lo dice chiaramente: nella valle Sulstal, nell'Oberland bernese, l'agricoltura di montagna riveste un'importanza centrale. E così si incontrano le mucche a ogni angolo durante escursione verso il Lobhornhütte. Sono la fonte del latte da cui si ricava il gustoso formaggio che si può acquistare lungo la strada, si ingozzano di prati rigogliosi e fioriti e rendono perfetto l'idillio da cartolina. L'Eiger, il Mönch e la Jungfrau sono splendidamente allineati all'orizzonte. La famosa triade bernese nella Sulstal evoca una pace e una tranquillità notevolmente maggiori rispetto alle località turistiche circostanti. Bello, la mucca lascia posto solo ad otto persone sul trenino.

  • Partenza: Sulwald
  • Percorso: Chüebodmi - Suls - Lobhornhütte. Ritorno per la stessa strada o deviazione per Sulsseeli.
  • Lunghezza: 6 km; 470 m di dislivello in salita e in discesa; 2,5 h.
  • Difficoltà: facile.
  • Da scoprire: non lontano dal Lobhornhütte, il Sulsseeli invita a fare un tuffo nell'acqua fresca.

Zervreila

Alla montagna che un tempo adornava ogni bottiglia d'acqua di Vals

Quando si vede lo Zervreilahorn si pensa: «Questa montagna l'ho già vista». Vero. Lo Zervreilahorn, alto quasi 2900 metri, un tempo ornava ogni bottiglia di acqua di Vals. Ha anche una forma maestosa e si erge nel cielo come una piramide slanciata. In fondo alla Valle di Vals, nei Grigioni, ci sono ulteriori elementi imponenti da scoprire. Il bacino di Zervreila, ad esempio, con la sua diga ad arco alta 150 metri. Si dice che abbia ispirato Peter Zumthor nella costruzione delle Terme di Vals, che dal 1996 costituiscono un elemento altrettanto imponente del villaggio. Al contrario, la cappella di Sant'Anna, che invita a visitare la località di Frunt, appare in filigrana. Ma la prima impressione è ingannevole: si trova in un punto panoramico unico, direttamente sul bordo della roccia, e offre una vista vertiginosa sulla valle.

  • Partenza: Vals, Zervreila
  • Percorso: Frunt - Kristalloch - Gadastatt.
  • Lunghezza: 5,5 km; 210 m di dislivello in salita, 250 m di dislivello in discesa; 1,75 h.
  • Difficoltà: facile.
  • Da scoprire: fare l'escursione in senso contrario e andare da Zervreila a Vals in monopattino, lungo gli otto chilometri di strada di montagna.

Val Müstair

Dai Diala dell'Alp da Munt

Erano creature magiche con zampe di capra impertinenti e abiti bianchi come la neve, i Diala dell'Alp da Munt in Val Müstair. E aiutavano la gente ovunque potevano, riportavano i bambini smarriti ai loro genitori, sfamavano gli affamati e aiutavano segretamente nella fienagione. La gente non restituì loro però altro che ingratitudine, li derubò e addirittura li perseguitò. Allora i Diala se ne andarono con la propria bellezza, fuggirono e abbandonarono il popolo al proprio destino, lasciandosi alle spalle la bellezza dell'Alp da Munt e l'armonia della Val Müstair. Entrambi li incontrerete durante l'escursione panoramica dal Passo dell'Ofen al piccolo villaggio di Lü, accompagnati dal gracchiare della nocciolaia, che ha preso in simpatia i numerosi pini cembri.

  • Partenza: Il Fuorn, Süsom Givè
  • Percorso: Alp da Munt - Alp Champatsch - Lü.
  • Lunghezza: 9 km; 250 m di dislivello in salita, 470 m di dislivello in discesa; 2,75 h.
  • Difficoltà: media.
  • Da scoprire: il libro «Weitere Sagen und Legenden aus dem Münstertal» di Hans-Peter Schreich contiene diverse belle storie legate alla valle.

Göscheneralp

Nel mondo della Svizzera primordiale

La Goschenertal è considerata una delle valli più belle della regione alpina. È ricca di zone palustri, torrenti di montagna, ghiacciai e montagne. Qui si trova la cima più alta della Svizzera centrale, il Dammastock con i suoi 3630 metri. In queste zone sono stati trovati i cristalli più grandi delle Alpi, con punte dell'ordine di un metro di lunghezza. La Reuss, non ultimo, il quarto fiume più grande della Svizzera, nasce proprio in questo mondo di rocce, acqua e ghiaccio. Nel suo percorso a valle, passa davanti al lago artificiale di Göscheneralp, attorno al quale si snoda un percorso circolare da sogno. Richiede un buon passo e in alcuni punti è assicurato con catene, ma offre un'esperienza duratura in un ambiente montano unico.

  • Partenza: Göscheneralp, Dammagletscher
  • Percorso: diga - Älprigen - Planggen - ponte Dammareuss - Vorderröti - monte - Göscheneralp, Dammagletscher.
  • Lunghezza: 9 km; 550 m di dislivello in salita e in discesa; 3,5 h.
  • Difficoltà: difficile.
  • Da scoprire: la campana della locanda di montagna Dammagletscher ricorda il villaggio di montagna di Hinteralp, scomparso nel lago artificiale.

Contenuti collegati

Per saperne di più
Consigli per le escursioni

Le 11 escursioni in quota più belle

Camminare, arrivare, passare la notte e poi riprendere il cammino. Altrettanto emozionante dell'escursione è passare la notte nei rifugi. 11 consigli per sportivi, appassionati e famiglie.

vai al Dossier

Sentiero panoramico del Gantrisch

Torbiere e punti di osservazione nelle Prealpi Bernesi

Le torbiere sono estremamente preziose. Sono povere di sostanze nutritive e offrono spazio per la vita di una comunità animale e vegetale specializzata. L'elevato contenuto di acqua consente alle torbiere di immagazzinare grandi quantità di CO2, motivo per cui la loro salvaguardia riveste un ruolo importante nella protezione del clima. Infine, ma non meno importante, le torbiere sono paesaggi che inducono a soffermarsi e a sognare. Questo funziona meravigliosamente nella regione del Gurnigel/Gantrisch. Si tratta di una delle più grandi e belle aree palustri della Svizzera, un mosaico di prati, pascoli, boschi e paludi, incorniciato da due catene montuose. Il sentiero panoramico del Gantrisch, percorrendo il tratto più facilmente accessibile, conduce con vivaci saliscendi a punti panoramici da sogno: sul paesaggio palustre e sull'omonimo Gantrisch, insieme ai suoi vicini frastagliati.

  • Partenza: Rüschegg Süfternen, bivio
  • Percorso: Süftenenegg - Schüpfeflue - Selibüelsattel - Gurnigelpass (autopostale) - Obere Gurnigel - Gurnigelbad.
  • Lunghezza: 11,5 km; 360 m di dislivello in salita, 760 m di dislivello in discesa; 3,5h.
  • Difficoltà: media.
  • Da scoprire: poco prima del Gurnigelpass, il Selibüel invita a provare la sensazione di felicità in vetta. Il tour può essere completato anche con il Gurnigelpass, risparmiando 1,5 ore.

Grenchenberg

Sull'ex campo di aviazione di montagna

Grenchen si trova a 450 metri sul livello del mare, nel cantone di Soletta. In direzione sud, ovest ed est è assolutamente piano, senza alcuna traccia di terreno montuoso. A nord della città, invece, si estende il Grenchenberg. Qui si può sciare grazie a due skilift e un tempo c'era anche una pista da sci di fondo. È stato abbandonato qualche anno fa, proprio come il campo d'aviazione sull'Obergrenchenberg. Per poter atterrare e decollare sul grande prato, è stato spianato e a tal fine la città ha fornito 700 franchi. Il campo d'aviazione entrò in funzione nel 1948 e, dopo un incidente mortale, la città chiuse la pista nel 1964. L'enorme prato quasi piatto è ancora oggi impressionante; lo si attraversa durante l'escursione dall'Unterer Grenchenberg al Weissenstein. E se si è dotati di una buona dose di coraggio, si può osare e gettare uno sguardo oltre la parete rocciosa verso la profondità. Qui o poco dopo sulla Stallflue. Non c'è dubbio: Grenchen è in montagna.

  • Partenza: Unterer Grenchenberg
  • Percorso: Obergrenchenberg - Küferegg - Stallflue - Hasenmatt - Weissenstein.
  • Lunghezza: 11,3 km; 500 m di dislivello in salita, 540 m di dislivello in discesa; 3,45 h.
  • Difficoltà: media.
  • Da scoprire: conoscere la diversità botanica del Giura: nel giardino del Giura dell'hotel termale Weissenstein è molto facile, e in spazi ristretti.

Col de la Croix

Piramidi di gesso e prominenza della montagna alpina

Il Col de la Croix è uno dei passi meno conosciuti della Svizzera. È alto 1778 metri e collega le due località turistiche vodesi di Les Diablerets e Villars-sur-Ollon. Ciò non significa che il passaggio non abbia alcun fascino. Al contrario. Il panorama montano è superlativo. Il Grand Muveran, i Dents du Midi e l'intero massiccio del Monte Bianco si mostrano nella loro luce migliore. Ciò che rende unico il Col de la Croix sono le numerose piramidi di gesso. Picchi appuntiti di roccia gessosa bianca, formatisi per erosione nel corso dei secoli. Raggiungerli è un piacere puro. L'escursione dal vicino Col de Bretaye conduce su splendide alpi, attraverso boschi nodosi e passando per tre laghi, di cui il Lac des Chavonnes invita a prendere il sole. Forse allora passerà proprio uno dei gipeti che vivono qui da anni.

  • Partenza: Col de Bretaye
  • Percorso: Ensex - Col de la Croix (Pyramides de Gypse) - L'Encrène - Perche - Lac des Chavonnes - Col de Bretaye.
  • Lunghezza: 11 km; 490 m di dislivello in salita e in discesa; 3,5h.
  • Difficoltà: media.
  • Da scoprire: sul Col de la Croix, parte un avventuroso sentiero di scoperta nel cuore delle piramidi di gesso. Per persone dal passo sicuro che non soffrono di vertigini.

di Daniel Fleuti,

pubblicato in data 05.06.2022


Potrebbe interessarti anche:

Abbonati alla newsletter iMpuls e vincere una carta regalo Migros

Iscriviti subito e vinci