Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Cammino di Santiago o Via Gottardo: 6 itinerari escursionistici di lunga percorrenza in Svizzera

Le escursioni a lungo raggio in Svizzera sono un piacere, che si tratti di un pellegrinaggio o di una semplice escursione. I sei itinerari europei che attraversano la Svizzera possono essere affrontati a tappe o in un'unica soluzione.

Cammino di Santiago

jakobsweg1
jakobsweg1

Buen camino. Il tradizionale saluto del pellegrino viene accettato volentieri se ci si trova sul Cammino di Santiago, probabilmente la via di pellegrinaggio più famosa d'Europa. Il percorso conduce, attraverso un sistema di sentieri molto ramificato, alla tomba di San Giacomo Apostolo a Santiago de Compostela, nell'angolo più nord-occidentale della Spagna. La distanza dalla Svizzera è di ben 2000 chilometri - ma il Cammino di Santiago può essere più breve, con un'escursione di più giorni sulla Via Jacobi numero 4, l'itinerario principale del Cammino di Santiago tra il Lago di Costanza e Ginevra. Che si tratti di un'escursione a sfondo spirituale - muniti di conchiglia, bastone da pellegrino e passaporto da pellegrino - o che si voglia semplicemente trascorrere qualche giorno in cammino: un tour sul Cammino di Santiago è sempre un viaggio verso se stessi. I calorosi incontri con le persone lungo il percorso, gli imponenti siti storici e religiosi e il mosaico di paesaggi prealpini creano ricordi indelebili.

Perle di pernottamento lungo il cammino: sentitevi completamente pellegrini e pernottate in un ostello per pellegrini. È possibile farlo, ad esempio, presso l'ostello dei pellegrini di San Gallo. È gestito su base volontaria da hospitaleras e hospitaleros, ex pellegrini. Per 20 franchi e dietro presentazione del passaporto del pellegrino, si può soggiornare una notte, gli ingredienti base per cucinare e il caffè sono inclusi. La cucina dei pellegrini è a disposizione per cucinare, mentre la chitarra e i giochi offrono intrattenimento. Chi ama la spiritualità è in buone mani al Monastero di Einsiedeln. Tre semplici camere per pellegrini offrono spazio per un massimo di 13 persone. Secondo l'antica tradizione dei pellegrinaggi, non si effettuano prenotazioni, ma si confida di trovare un letto libero al proprio arrivo. I pellegrini sono benvenuti alle funzioni dei monaci benedettini.

Info sul percorso:

  • 35 tappe (percorso principale e varianti) dal Lago di Costanza a Ginevra.
  • Totale 645 km, segnalati come Via Jacobi n. 4.
  • Percorsi da facili a moderatamente difficili attraverso le Prealpi. Tratti in parte più lunghi con superficie dura.
  • Molti alloggi.
  • Elenco e maggiori informazioni su www.jakobsweg.ch e www.schweizmobil.ch/de/wanderland/route-4
  • Download GPX
jakob-pdf

Sentiero in cresta del Giura

Un grande classico: attraversare il Giura

jura2
jura2

Nel 1906, l'Associazione del Giura svizzero ha deciso di rendere il Giura accessibile agli appassionati di escursionismo. Il risultato è una rete di sentieri di 650 chilometri, il cui fulcro è il sentiero a lunga percorrenza da Regensberg, vicino a Zurigo, a Ginevra. Il cosiddetto sentiero in cresta del Giura ha persino ricevuto una propria segnaletica rossa e gialla; è considerato il primo sentiero escursionistico a lunga percorrenza uniformemente segnalato in Svizzera. È un classico ancora oggi, perché permette di vivere il Giura in tutta la sua diversità. Il Giura è a volte un paesaggio dolce con prati fioriti e colline incantevoli, altre volte selvaggio con gole scoscese, creste e foreste; le solitarie fattorie di montagna con mucche e cavalli fanno parte del Giura tanto quanto i villaggi dove il tempo sembra essersi fermato. I sentieri sono a volte ampi e ben frequentati, ma non si incontra nessuno per ore su sentieri ricoperti di radici e pietre. Infine, la vista sul Mittelland con i suoi laghi, la Foresta Nera e la catena alpina dal Säntis al Monte Bianco è sempre allettante. Chiunque abbia percorso il sentiero in cresta del Giura ama tornarvi.

Perle di ospitalità lungo il percorso: centro seminariale, hotel in stile Art Nouveau, hotel termale, hotel di vetta, fattoria di montagna, casa padronale - c'è molta varietà lungo il sentiero in cresta del Giura. Il centro seminariale a Herzberg vi vizia con una posizione da sogno nel Giura argoviese e con una cucina biologica regionale, l'hotel Erica di Langenbruck, in stile Art Nouveau, vi ospita tra le ultime testimonianze dell'antica località di cura climatica nella regione di Basilea, l'Hotel Weissenstein, sulla montagna locale di Soletta, vi accoglie nello splendore e nello stile degli edifici termali di un tempo, il Chasseral vi fa dormire sulla montagna più famosa e più alta del Giura bernese con tutta la Svizzera ai vostri piedi, la Ferme du Soliat vi delizia con la fondue fatta in casa, il pane del forno a legna e le albe sulla conca rocciosa di Creux du Van, per la quale siete ancora così felici di lasciare il vostro alloggio notturno nell'antica stalla, e la dimora Domaine de Bois-Bougy a Nyon vi invita, al termine dell'escursione in quota nel Giura, a sentirvi come un re o una regina con vista sui vigneti e sul Lago di Ginevra e a concedervi un piacere signorile e nostalgico.

Info sul percorso:

  • 16 tappe da Regensberg, vicino a Zurigo, a Nyon.
  • Totale 320 km, segnalato come Jura Höhenweg (sentiero in cresta del Giura) No. 5.
  • Sentieri da facili a moderatamente difficili sulla prima catena del Giura.
  • Maggiori informazioni e scelta di alloggi su www.schweizmobil.ch/de/wanderland/route-5
  • Download GPX
jura-pdf

Via Spluga

Duemila anni di storia del transito sotto le scarpe da trekking

spluga3
spluga3

Grano, vino, sale, pellicce, spezie, armi, tessuti, denaro, lettere: a partire dal XV secolo, il Passo dello Spluga, tra Thusis nei Grigioni e Chiavenna nell'Italia settentrionale, era una delle vie commerciali più importanti d'Europa. Le tracce più antiche risalgono addirittura ai Romani. Tempi passati. Oggi le persone e le merci attraversano le Alpi su altri percorsi: San Bernardino, Gottardo e Brennero hanno superato lo Spluga. La storia del passo può essere ancora vissuta con un'escursione lungo la Via Spluga, che segue l'antica mulattiera. Non mancano i punti salienti. La vertiginosa altezza del Ponticello sulla Traversina e le gole della Via Mala e della Roffla, attraverso le quali il fiume Hinterrhein scroscia e spumeggia, i villaggi storici di Zillis, Andeer e Splügen con centri storici risalenti all'epoca dei mulattieri, l'antica mulattiera che attraversa il Passo dello Spluga e la discesa attraverso la selvaggia e romantica gola del Cardinello fino a Chiavenna, che trasuda fascino italiano con le sue stradine, le magnifiche chiese e palazzi e i bar accoglienti.

Perle di pernottamento lungo il percorso: alcuni hotel lungo la Via Spluga invitano a fare un viaggio nel passato. Nell'Hotel Fravi di Andeer, simile a un castello, dal 1828 gli ospiti si rilassano nelle acque calde e ricche di minerali di una sorgente vicina, e la lista degli ospiti include nomi come Leopoldo I, re del Belgio, Karl Marx, Christian Andersen e Conrad Ferdinand Meyer. Il libro degli ospiti dell'Hotel Bodenhaus di Splügen non è meno illustre. Albert Einstein, Friedrich Nietzsche, Wilhelm Conrad Röntgen e l'imperatore Napoleone III lo hanno firmato. L'imponente edificio in pietra aprì le sue porte intorno al 1722, durante il periodo di massimo splendore del Passo dello Spluga. Ha mantenuto il suo fascino fino ad oggi. Il vecchio ostello del Weiss Kreuz, anch'esso situato a Splügen, risale a tempi ancora più remoti: le sue radici risalgono al XIV secolo. Ancora oggi, il legno delle scale e delle assi del pavimento che conducono alle stanze - ovvero le accoglienti Alti Chuchi, Alti Stuba o Dachchammera - scricchiola.

Info sul percorso:

spluga-pdf

Via Francigena

Sulle orme dell'arcivescovo Sigerich attraverso la Svizzera francese

francigena4
francigena4

L'arcivescovo Sigerich ha percorso 1800 chilometri a piedi da Canterburry, nel sud dell'Inghilterra, a Roma per ricevere la consacrazione dal Papa. Questo avvenne nell'anno 996. Durante il viaggio di ritorno, documentò le stazioni del suo cammino e pose così la prima pietra della Via Francigena, la via di pellegrinaggio un tempo più importante tra il Nord Europa e l'Italia. Lungo il percorso furono costruiti luoghi importanti come le cattedrali di Canterburry, Reims, Losanna e Siena, l'ospizio del Gran San Bernardo e la Basilica di San Pietro a Roma. Il tratto svizzero tra Ste-Croix, vicino a Yverdon, nel Canton Vaud, e il passo del Gran San Bernardo, nel Canton Vallese, riserva molte perle paesaggistiche e culturali: le antiche carrarecce nei pressi di Ste-Croix, uniche in Svizzera e un tempo utilizzate per il trasporto del sale, i vigneti di Lavaux sopra il Lac Léman, patrimonio dell'umanità dell'Unesco, le cittadine medievali di Orbe, Romainmôtier e St. Maurice, e la salita finale di tre giorni da Martigny al Gran San Bernardo, alto 2469 metri, che segna il confine con l'Italia.

Perle di pernottamento lungo il percorso: nella città medievale di Romainmôtier, la Maison Junod offre la cornice perfetta. Nelle camere arredate con cura si dorme in letti antichi e al mattino la colazione viene servita in camera. L'Hotel Le Funi di Cossonay ha quasi una propria stazione ferroviaria; la casa padronale del XIX secolo si trova nella stazione a monte della funicolare che collega la città alla stazione ferroviaria e offre un panorama da sogno sulle Alpi. Lo stesso vale per l'Auberge de la Gare a Grandvaux, solo che qui la vista sul lago di Ginevra completa il panorama alpino. In questo accogliente ostello ci si sveglia al mattino nel cuore del Lavaux, la più grande regione vinicola contigua della Svizzera e patrimonio mondiale dell'Unesco. L'Hostellerie Franciscaine di St-Maurice offre un'accoglienza semplice e monastica. La foresteria dell'Ordine Francescano, in particolare il giardino appartato, è un luogo meraviglioso per staccare la spina. La conclusione perfetta di un tour sulla Via Francigena si trova sul Passo del Gran San Bernardo. L'ospizio, situato a 2469 metri di altitudine, offre rifugio a pellegrini e viaggiatori da oltre 1000 anni. E lo fa tutto l'anno, per questo i monaci hanno allevato per secoli cani San Bernardo per ritrovare le persone smarrite o sepolte dalla neve. I cani da valanga con la botte di legno sulla schiena sono ospiti del passo ogni estate.

Info sul percorso:

  • 10 tappe da Ste-Croix al Col du Gd St-Bernard.
  • Totale 202 km, segnalati come Via Francigena n. 70.
  • Sentieri escursionistici e di montagna da facili a moderatamente difficili. Tappe in parte lunghe, con molti metri di dislivello alla fine.
  • Ulteriori informazioni e selezione di alloggi su https://schweizmobil.ch/en/wanderland/route-70
  • Download GPX
francigena-pdf

Contenuti collegati

Vai al Dossier

Via Alpina

Sulla strada regale attraverso le Alpi svizzere

viaalpina5
viaalpina5

Cinque itinerari escursionistici attraverso tutti gli otto Paesi alpini, su una rete di sentieri lunga oltre 5000 chilometri, distribuiti in 342 tappe giornaliere tra il livello del mare e i 3000 metri. Si tratta della Via Alpina, un progetto internazionale che dal 2002 rende accessibile la diversità naturale e culturale della regione alpina. Uno dei cinque percorsi attraversa il nostro Paese e il Principato del Liechtenstein nella sua interezza. Il nome dice tutto. La Via Alpina si inoltra nel cuore delle Alpi svizzere, attraversa quattordici passi di montagna e supera 48'000 metri di altitudine. Lo storico Passo Surenen, ad esempio, uno dei passi più belli della Svizzera centrale, l'Arena tettonica di Sardona, dove le montagne sono geologicamente capovolte, l'alpe più grande della Svizzera, l'Urnerboden, dove pascolano più di 1200 mucche, la vista sull'Eiger, il Mönch e la Jungfrau e la parete nord dell'Eiger dalla Kleine Scheidegg, il rifugio Blüemlisalp ai piedi del ghiacciaio Blüemlisalp e i durissimi 1200 metri per scendere fino all'Oeschinensee, incastonato in una conca rocciosa, o la mondana Gstaad, dove amano ritrovarsi i più ricchi. Quando vi rinfrescherete nel lago di Ginevra dopo venti giorni di escursioni a Montreux, potrete essere orgogliosi di aver completato la Via Alpina, la strada regale della Svizzera. Non per niente il sentiero è contrassegnato dal numero 1.

Perle di ospitalità lungo il percorso: dagli alpeggi agli hotel della Belle Epoque: le sistemazioni lungo la Via Alpina sono varie come il percorso. Nel Catherines Loft a Mels si dorme sul soppalco, circondati da libri da tutto il mondo e campane provenienti da India, Nepal e Cambogia. Le mucche e le capre si trovano sull'Alpe di Siez, vicino a Weisstannen. In estate, il loro latte viene utilizzato per produrre 20'000 chilogrammi di formaggio. A colazione potrete assistere alla lavorazione del formaggio da parte dei casari e poi fare scorta di ottimi prodotti alpini. Saranno sufficienti fino alla cresta alpina o a Hobiel sul Passo Surenen? Non importa: vi piacerà fermarvi qui durante la lunga escursione del passo. A partire dalla sera è incantevole il richiamo alla preghiera dei malgari che chiedono la benedizione alpina. E gli Älplermagronen di Hobiel sono così leggendari che la ricetta è persino disponibile online. Anche la maestosa Blüemlisalp, alle spalle della selvaggia e romantica Kiental, è leggendaria. Qui ci si ferma nella più antica casa per amanti della natura della Svizzera, l'Hostel Gorneren, dove si cucina su un fornello a legna di 60 anni. Ancora più Blüemlisalp vi aspetta al rifugio Blüemlisalphütte. A 2840 metri di altitudine, il sonno non è più così ristoratore, ma l'ambiente alpino e la vista sul lago di Thun sono fantastici. Infine, la Belle Epoque vi avvolge a Kandersteg presso l'Hotel Victoria o a Montreux presso l'Hotel Helvetie. Questo è un luogo meraviglioso per contemplare l'escursione sulla Via Alpina appena conclusasi.

Info sul percorso:

  • 20 tappe da Vaduz a Montreux.
  • Totale 390 km, segnalati come Via Alpina n. 1.
  • Sentieri di montagna da facili a impegnativi per escursionisti dal passo sicuro. Tappe in parte lunghe.
  • Ulteriori informazioni e selezione di alloggi su https://schweizmobil.ch/en/wanderland/route-1
  • Download GPX
alpina-pdf

Via Gottardo

Il grande asse di transito europeo a piedi

viagottardo6
viagottardo6

Il viaggio in treno da Basilea a Chiasso dura tre ore e mezza. Se invece allacciate le scarpe da trekking a Basilea e seguite la Via Gottardo, venti giorni dopo arriverete nel Ticino meridionale, con la bella sensazione di aver percorso con le vostre forze uno dei più importanti assi di transito attraverso le Alpi. Il Passo del Gottardo e i suoi accessi conobbero un boom senza precedenti a partire dal XIII secolo, quando il Ponte del Diavolo conquistò la Gola della Schöllenen e da allora persone e merci trovarono la strada tra la Germania e l'Italia attraverso il passo alto 2100 metri. Anche il traffico, con le sue infrastrutture, è un compagno fedele della Via Gottardo. Tra questi, i porti renani di Basilea, la più grande stazione di smistamento della Svizzera a Muttenz o la linea ferroviaria sull'Hauenstein, la più antica ferrovia di montagna del Paese. Tra Lucerna e Flüelen si può attraversare il lago in battello, come ai vecchi tempi; nella valle della Reuss e poi in Leventina si vedono le imponenti strutture artificiali della strada e della ferrovia. Al centro, però, c'è il Gottardo con il leggendario Ponte del Diavolo, la Tremola e l'ospizio in cima al passo, dove i viaggiatori si fermano dal 1237. Poche centinaia di metri più in basso, i treni sfrecciano a 200 chilometri all'ora attraverso la Galleria di base del Gottardo, il tunnel ferroviario più lungo del mondo.

Perle del pernottamento lungo il percorso: svegliarsi con una vista panoramica su Basilea, questa è l'esperienza del B&B Sunnesite a Pratteln, una casa Minergie in legno con un giardino selvatico. Piedi e gambe, invece, trovano relax dopo i primi 40 chilometri di escursione nell'acqua minerale curativa dell'hotel Bad Ramsach vicino a Läufelingen. Se volete passare la notte in una casa sull'albero a Neuenkirch, dovete essere fortunati: la casa sull'albero è molto apprezzata, nel letto di quercia a tre metri da terra si dorme come al settimo cielo. Vivete Lucerna in modo diverso al Seeburghof. Nell'ex fienile della fattoria biologica sono disponibili camere accoglienti, i bovini delle Highlands scozzesi pascolano nel prato ed è possibile rifornirsi di prodotti della fattoria presso l'antico imbarcadero. Il Waldstätterhof di Brunnen ha uno stile completamente diverso. Re, aristocratici e scrittori hanno soggiornato in questo storico hotel di lusso. Non c'è da stupirsi: la posizione sul molo con vista sul Lago dei Quattro Cantoni e sulle Alpi Urane è un sogno. In alto, invece, c'è il Passo del Gottardo con il suo ospizio. La casa è un patrimonio culturale europeo e dalle camere interamente in legno si gode di una vista unica sul massiccio del Gottardo. Un'altra perla è l'Hotel Defanti a Lavorgo. Non solo perché l'attività è gestita dalla famiglia Defanti dal 1903, ma perché è un albergo, un ristorante, un bar, un negozietto di paese e un distributore di benzina tutto in uno. Infine, l'Ostello della Gioventù di Bellinzona è ospitato in una villa monumentale e confina con il medievale Castello di Montebello, uno dei simboli della città.

Info sul percorso:

  • 20 tappe da Basilea a Chiasso.
  • Totale 320 km, segnalati come Via Gottardo n. 7.
  • Sentieri escursionistici e di montagna da facili a moderatamente difficili. Tappe in parte lunghe.
  • Ulteriori informazioni e una selezione di alloggi su https://schweizmobil.ch/en/wanderland/route-7
  • Download GPX
gottardo-pdf

di Daniel Fleuti,

pubblicato in data 16.08.2023


Potrebbe interessarti anche: