Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Chiudi

Vuoi vivere più sano?

Vuoi vivere più sano?

Escursioni lungo il Reno, la Reuss, il Thur & Co.: 7 belle passeggiate sul fiume

Il Reno, l'Aare e il Rodano sono i tre fiumi più lunghi fra, in totale, 1500 laghi e corsi d'acqua in Svizzera. Anche i fiumi più piccoli hanno il loro fascino. Abbiamo raccolto sette passeggiate rilassanti vicino all'acqua.

Thurauen – Reno

Dalla più grande pianura alluvionale al fiume più lungo della Svizzera

rhein
rhein

375 chilometri. Nessun altro fiume in Svizzera è più lungo del Reno. Come un possente nastro blu, attraversa la parte orientale del Paese e, insieme ai suoi affluenti, drena l'80% della Svizzera. Anche il Thur ha qualcosa di superlativo da offrire: dove confluisce nel Reno, forma con il Thurauen la più grande area golenale dell'Altopiano centrale. Dal 2017, il fiume è stato lasciato libero di modellare la sua foce con isole, banchi di sabbia, bracci laterali e esondazioni. In poco tempo ha creato un paesaggio impressionante, dove il martin pescatore, il castoro, il rigogolo e il piccolo piviere sono di casa e dove, come esseri umani, a volte ci si sente trasportati in Amazzonia. Durante un'escursione tra Flaach e Rheinau, nel nord-est del Cantone di Zurigo, si possono icontrare entrambi i fiumi, il Thurauen e il Reno. Con una deviazione verso la confluenza fra Thur e Reno (Thurspitz), ci si trova addirittura nel mezzo della foce dei due fiumi, circondati da acqua tutt'intorno.

  • Partenza: Flaach, Ziegelhütte
  • Percorso: Werdhof – Thurhau – Thurspitz e ritorno al bivio per Ellikon am Rhein – Rheinau Klosterplatz.
  • Lunghezza: 14 km; 130 hm di salita e discesa ciascuno; 3,5h.
  • Difficoltà: facile.
  • Da scoprire: Da Rheinau in battello si risale il Reno, attraverso un paesaggio da foresta primordiale fino alle cascate del Reno, la più grande cascata d'Europa.

Sense – Schwarzwasser

Dove due perle fluviali si uniscono in un profondo fossato

sense
sense

Se sali sul ponte sospeso che attraversa la Sense nella relativa area golenale di Berna e guardi su e poi di nuovo giù, lo capisci subito: stai visitando un fiume speciale. Alte pareti rocciose delimitano l'ampio fossato, fitte foreste di latifoglie con alberi secolari ne costeggiano i bordi. Nel mezzo, il fiume compie le sue anse e forma isole, banchi di sabbia, gradini e persino piccole spiagge sabbiose. La Sense, che per lunghi tratti segna il confine cantonale tra Berna e Friburgo, è in gran parte priva di ostacoli ed è uno dei fiumi più naturali della Svizzera. Al di sotto di questo ponte sospeso, la Sense si imbatte in una seconda perla d'acqua: lo Schwarzwasser. Anche questo fiume forma un'impressionante gola e può dare libero sfogo alla sua forza creativa. Dove i due si uniscono sotto l'imponente ponte Schwarzwasserbrücke, hanno creato un paesaggio primordiale che viene visitato da innumerevoli persone nelle belle giornate. Si può fare il bagno, accendere un fuoco attorno a cui ridere e scherzare... tutte attività in linea con questo versatile fiume. 

  • Partenza: villaggio di Flamatt
  • Percorso: Riedernbrücke – Sensenau – Hängebrüggli Sense – Schwarzwasserbrücke.
  • Lunghezza: 8 km; 170 m di dislivello in salita, 55 m in discesa; 2h.
  • Difficoltà: facile.
  • Da scoprire: prima della salita alla stazione ferroviaria Schwarzwasserbrücke, aggiungi un'escursione alla scoperta delle gole dello Schwarzwasser. Percorso segnalato.

Reuss

Nel regno dei punti colorati e ridenti

reuss
reuss

I numerosi punti colorati appartengono al fiume Reuss tra Bremgarten e Mellingen. Scivolano silenziosamente sull'acqua di un profondo blu, solo di tanto in tanto si sente un mormorio o una risata. Nel suo percorso attraverso l'Argovia, la Reuss forma uno dei tratti fluviali più belli della Svizzera centrale: paesaggi fluviali naturali con grandi alberi e baie sabbiose appartate, piccole isole, tratti con rapide e tratti con acque calme e poco profonde. Kayak, canoe e gommoni abbondano qui e, ogni tanto, qualcuno osa tuffarsi nell'acqua fresca. Dal sentiero della riva si possono salutare i tanti puntini colorati. E questo percorso non è meno interessante. Quasi sempre corre direttamente accanto all'acqua e permette di immergersi in un paesaggio pittoresco. Una foresta abbandonata a se stessa e un ex monastero si fanno compagnia. Con un pizzico di fortuna potrai scoprire le tracce del castoro o del martin pescatore. Il diamante volante, con il suo piumaggio colorato, ama sedersi sui rami appena sopra l'acqua e osservare i pesci.

  • Partenza: Mellingen, Lindenplatz
  • Percorso: Gnadenthal – Camping Sulz – Foort – Castello di Bremgarten – Bremgarten Obertor.
  • Lunghezza: 14,2 km; 200 m di dislivello in salita, 170 m in discesa; 3,5h.
  • Difficoltà: facile.
  • Da scoprire: prima di tornare a casa, fai una passeggiata nella città storica di Bremgarten, monumento culturale di importanza nazionale.

Kleine Emme

A Entlebuch in un paesaggio fluviale incontaminato

kleine-emme
kleine-emme

Emme. L'Emme è comunemente associato al fiume che attraversa l'Emmental bernese e sfocia nell'Aare da qualche parte sull'Altopiano centrale. Ma anche i vicini dell'Emmental, gli abitanti di Entlebuch nel Cantone di Lucerna, hanno un'Emme. Si chiama Kleine Emme, nasce sul Brienzer Rothorn vicino a Sörenberg, si chiama inizialmente Waldemme e sfocia nella Reuss vicino a Emmen. «Piccolo» non significa insignificante. Con i suoi 60 chilometri, è il fiume più lungo del Cantone di Lucerna e le sue piene sono molto temute. Dopo l'alluvione del 2005, la Kleine Emme ha causato danni per oltre 300 milioni di franchi, ma nelle belle giornate è tranquilla e accessibile, soprattutto tra Entlebuch e Wolhusen, il suo tratto più incontaminato. Qui si trova una pianura alluvionale di importanza nazionale. La zona di transizione tra acqua e terraferma a Emmenmätteli viene regolarmente allagata e rimodellata. I mutevoli habitat ospitano una varietà di animali e piante. Il fiume stesso a volte scorre tranquillo, a volte spumeggia selvaggiamente. La riva incanta con le pittoresche foreste attraverso le quali si snoda il sentiero escursionistico. 

  • Partenza: Entlebuch
  • Percorso: Emmenmätteli – Chappelbodenbrücke – Klungelisei – Ämsere – Wolhusen (da Ämsere mezz'ora lungo la strada principale. Percorso possibile anche con l'autopostale).
  • Lunghezza: 9,8 km; 140 m di dislivello in salita, 260 m in discesa; 2,5h.
  • Difficoltà: facile.
  • Suggerimento: lungo il percorso, diverse aree per grigliate e accoglienti invitano a soffermarsi in riva al fiume.

Orbe

Nella gola dei produttori di esplosivi e fiammiferi

orbe
orbe

Gli esplosivi e i fiammiferi hanno poco a che fare l'uno con l'altro. O forse sì? Entrambi sono creati dal clorato di potassio, prodotto al Saut du Day, l'impressionante cascata alta settanta metri sull'Orbe, nel Giura vodese. Il movimentato fiume forniva l'elettricità per la produzione di clorato di potassio e la fabbrica portò lavoro e prosperità alla remota valle per ottant'anni. Fino al 1972. La fabbrica fallì e gli impianti vennero fatti saltare in aria. Ciò che rimane è il tunnel sotto il Saut du Day, tuttora accessibile. Il sentiero escursionistico che attraversa lo spettacolare paesaggio golenale, formato dall'Orbe sotto il villaggio di Le Day, passa sotto la cascata. Una prima attrazione sul sentiero che porta alla città medievale di Orbe, seguita da altre, è il percorso avventuroso tra le rocce, le rapide e i bacini formati dal fiume e le foreste selvagge, dove si trovano anche i camosci. 

  • Partenza: Le Day
  • Percorso: Saut du Day – Les Clées – Orbe.
  • Lunghezza: 14,2 km; 280 m di dislivello in salita, 570 m in discesa; 4 h.
  • Difficoltà: media.
  • Suggerimento: per i più avventurosi e per coloro che non soffrono di vertigini: al ponte un'ora dopo Les Clées, cambiare sul lato destro del fiume e prendere il sentiero di montagna segnalato attraverso le rocce fino a Orbe.

Rodano

Tra natura e urbanizzazione del Cantone di Ginevra

rhone
rhone

Dopo Ginevra, finisce la Svizzera. È vero, ma tra la città e il confine nazionale di La Plaine si estende ancora un paesaggio che sorprende per la sua vicinanza alla natura, la sua vastità e la natura incontaminata. L'estremità sud-occidentale del Paese è delimitata dal Rodano, che qui appare come un fiume imponente. Su 27 chilometri, il fiume serpeggia attraverso il Cantone di Ginevra, formando anse, grandi banchi di sabbia e baie nascoste, alimentando foreste e paesaggi golenali di una bellezza unica e fornendo rifugio e cibo a una varietà di uccelli acquatici. È una giungla verde in cui gli escursionisti si immergono e si sentono a casa, a volte direttamente sulle rive, a volte su graziosi sentieri attraverso foreste primordiali o ampi parchi. Ma l'altra Ginevra, il traffico, i grandi complessi residenziali e le imponenti fabbriche sono vicini. Un'escursione sul Rodano è quindi un gioco tra natura e civiltà. Un viaggio che vale la pena di fare fino all'estremo lembo della Svizzera.

  • Partenza: Aire-la-Ville, Pont-de-Peney
  • Percorso: Bois de Chatillon – Passerelle de Chèvre – Loëx – Pont Butin – Bois de la Bâtie – Genève, Jonction.
  • Lunghezza: 13,8 km; 330 m di dislivello in salita e in discesa; 3,75h.
  • Difficoltà: facile.
  • Suggerimento: se vuoi terminare con una vista dall'alto del Rodano, della città di Ginevra e del lago Lemano, fatelo dalla torre della cattedrale di St. Pierre. 175 gradini portano in alto. 

Doubs

Dal grande sconosciuto in un paesaggio incontaminato del Giura

doubs
doubs

È uno dei grandi, eppure è poco conosciuto nel nostro Paese: il Doubs. Quasi tutti i 450 chilometri del viaggio si svolgono in Francia, con una breve sosta in Svizzera tra Les Brenets e St-Ursanne. Il suo letto ha scavato in profondità nel paesaggio antichissimo del Giura e ha creato una gola delimitata da ripidi pendii ricoperti da fitte foreste. C'è poco spazio per strade e centri abitati, ma c'è un sentiero escursionistico lungo il fiume. Per quattro giorni, potrete seguire il Doubs e immergervi in un mondo che vi farà dimenticare la civiltà. Si possono incontrare merli acquaioli e martin pescatore e nell'acqua scura si trova anche il pesce più raro della Svizzera, il Re del Doubs. Ma per quanto bello sia il fiume, la qualità dell'acqua è scarsa a causa di impianti di depurazione delle acque, agricoltura e produzione di energia elettrica. È in corso un piano d'azione per ridare vita al Doubs. Si spera che le misure funzionino e il raro Re del Doubs sopravviva.

  • Partenza: Soubey, villaggio
  • Percorso: Les Moulins – La Charbonnière – Tchétevâ - Tariche, traghetto – Les Prés du Doubs – La Lomène – St-Ursanne – St-Ursanne, gare.
  • Lunghezza: 16,2 km; 260 m di dislivello rispettivamente in salita e in discesa; 4 h.
  • Difficoltà: media.
  • Suggerimento: vivete il Doubs da vicino: prendete il piccolo traghetto self-service che attraversa il fiume a Tariche e fermatevi nell'omonimo ristorante, ad esempio per gustare la trota, specialità della casa. 

Contenuti collegati

Vai al Dossier

di Daniel Fleuti,

pubblicato in data 20.03.2023


Potrebbe interessarti anche:

Consulenza sulla salute: fissa subito un primo colloquio gratuito.

Vai all’iscrizione
mann-beim-trailrunning