Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Chiudi

Vuoi vivere più sano?

Vuoi vivere più sano?

Shh! Godersi la natura nella zona di tranquillità di Ponthaux

Recentemente è stata pubblicata una carta delle zone di tranquillità dell'Altopiano. Alle porte dell'agglomerato urbano di Friburgo, la regione di Ponthaux, che alterna boschi del patriziato, radure segrete, romantici canneti e ruscelli bucolici, è una di queste.

Gustarsi la quiete nella regione di Ponthaux

Per verificare se quanto indicato nella carta corrisponda alla realtà sul campo, ci siamo recati alle porte di Friburgo, nella regione di Ponthaux, una delle zone tranquille indicate.

1. Il punto di partenza al di sopra di Nierlet-les-Bois

ponthaux-bank
ponthaux-bank

La scoperta di questa zona di grande tranquillità inizia in cima a Nierlet-les-Bois, un grazioso villaggio agricolo ancora miracolosamente incontaminato dall'ormai tradizionale zona delle ville. Ai margini della foresta friburghese, in un luogo chiamato «Ponthaux'view 1», un'accogliente panchina di legno offre un'ampia vista sul Moléson e, nelle giornate di cielo terso, sul Monte Bianco. Qui incontriamo Roman Hapka, vicepresidente dell'SL-FP, che ha condotto indagini sul campo per confermare il livello di tranquillità calcolato dall'Istituto PLUS. «Ci troviamo in un paesaggio forestale a mosaico, intervallato da prati e coltivazioni. Durante la pandemia, il numero di visitatori è aumentato e alcuni escursionisti hanno giocato al poliziotto, dicendo agli automobilisti che cercavano di entrare che era vietato. Ciò dimostra che i friburghesi hanno fatto proprio questo spazio.»

All'improvviso, due caccia che passano sopra di noi ci ricordano che la base aerea di Payerne non è lontana. Sorge un dubbio: ci troviamo davvero in uno spazio tranquillo? Roman Hapka ci rassicura: «È inevitabile sentire questo tipo di aerei. Volano in tutta la Svizzera e fanno rumore ovunque, anche sulle Alpi. Detto questo, questa zona resta molto tranquilla». Ci crediamo subito, perché nel giro di qualche secondo i canti dei numerosi uccelli prendono il sopravvento.

2. La meditativa zona paludosa di La Biolère

moor
moor

Sotto la foresta, ecco la Biolère, un'area paludosa molto importante a livello nazionale incastonata nel fondo di una piccola valle. Al momento della nostra visita, il canneto è in procinto di essere falciato per evitare che secchi la terra, ma presto tornerà rigoglioso per ospitare anfibi e uccelli nidificanti. Poco distante, le piante di Veronica persica delizieranno presto le api del vicino alveare. È un invito ad osservare i dettagli, a rallentare il ritmo. A stare in silenzio e ascoltare la natura. Sì, il paesaggio qui induce alla meditazione e al relax.

3. La rilassante radura sulla collina di Piamont

Continuiamo a esplorare questa zona di tranquillità in cima alla collina del Piamont, dove avvertiamo anche un senso di calma entrando in un'ampia radura. «Sebbene la Via Jacobi passi proprio accanto, quest'area resta segreta e molti escursionisti non ne conoscono l'esistenza. Circondati da alti alberi, siamo qui come isolati dal mondo. L'unica apertura è la finestra offerta dal cielo», dice Roman Hapka, chiaramente impressionato.

4. Ritorno alla realtà dopo momenti idilliaci

buehne-ruhezonen
buehne-ruhezonen

Più in basso, un ruscello, il Sonnaz, serpeggia dal lago di Seedorf al lago di Schiffenen all'ombra degli alberi. La valle è molto bucolica, soprattutto al livello del mulino Courtaney, una proprietà privata trasformata in casa vacanze.

Il contrasto con quest'area preservata è ancora maggiore quando si risale verso Avry e, dopo meno di un chilometro, ci si imbatte nel traffico incessante della strada cantonale e in una successione di centri commerciali, tra cui quello della Migros. Un ritorno alla realtà piuttosto brutale... Tuttavia, questa vicinanza è un vantaggio perché dimostra anche che, d'altro canto, basta percorrere qualche centinaio di metri per uscire dal mondo moderno e ritrovarsi in spazi preservati, perfetti per ricaricare le batterie e cercare la pace interiore.

  • Partenza: Fermata dell'autobus TPF a Nierlet-les-Bois, centro
  • Destinazione: fermata dell'autobus TPF ad Avry, paese o stazione Rosé FFS.
  • Lunghezza: 7 km; circa 3 ore (compresa la pausa picnic)
  • Download Itinerario

Zone tranquille dell'Altopiano svizzero

karte-ruhezonen
Zone tranquille svizzera

https://map.geo.admin.ch (selezionando il criterio «zone tranquille») o direttamente sull'app Swisstopo selezionando il criterio «zone di tranquillità».

Chi è sensibile all'inquinamento acustico dovrebbe quindi consultare la mappa delle zone tranquille dell'Altopiano svizzero. Questa carta, pubblicata recentemente, è stata elaborata nel 2020 dalla Fondazione svizzera per la tutela del paesaggio (SL-FP) e dall'Istituto PLUS del Politecnico federale di Zurigo, specializzato nella pianificazione del paesaggio (vedi sotto). Vi sono riportate più di cinquanta aree di almeno 5 km2 in cui gli utenti dovrebbero potersi rilassare lontano dalla civiltà.

Come si definiscono le zone di tranquillità?

Come avete definito le zone di tranquillità?

Maarten van Strien, ricercatore presso PLUS: Abbiamo definito un indice di tranquillità per ogni ettaro dell'Altopiano. Questo è stato calcolato sulla base di una serie di criteri acustici, come il rumore del traffico, ma anche sulla base di una serie di criteri visivi, come la presenza o meno di una linea ad alta tensione. Le aree continue di almeno 5 km2, cioè non attraversate da una strada asfaltata, e che presentano l'indice di tranquillità più elevato sono state classificate come zone di tranquillità.

Come sono stati misurati i diversi parametri?

Abbiamo utilizzato i dati esistenti di Swisstopo e di vari uffici e istituti federali. Non abbiamo effettuato noi stessi le misurazioni. Tuttavia, per confermare i nostri calcoli, alcune aree sono state sottoposte a indagini sul campo.

Questa carta vuole essere anche un nuovo strumento di pianificazione del territorio?

Lo scopo principale di questa carta è di informare e mostrare le aree in cui è possibile ritemprarsi in una delle regioni più densamente popolate d'Europa. Attualmente non viene utilizzata per la pianificazione territoriale e non è vincolante. Tuttavia, riteniamo che sarebbe utile tenere conto di questi spazi nella pianificazione di nuove infrastrutture. Molte aree di tranquillità non solo offrono molti benefici alle persone, ma costituiscono anche preziosi habitat per piante e animali.

Come il rumore influisce sulla salute

Gli svizzeri non amano il rumore. Secondo l'Ufficio federale di statistica, nel 2019 il 31% della popolazione ha dichiarato di essere «molto infastidito» o «piuttosto infastidito» dal rumore del traffico. Alla fine di marzo, un'indagine dell'Istituto svizzero di salute pubblica e tropicale ha dimostrato, per la prima volta, la correlazione tra l'esposizione al rumore e il rischio di suicidio.

Contenuti collegati

Vai al Dossier

di Pierre Wuthrich,

pubblicato in data 14.04.2023


Potrebbe interessarti anche:

Cerchi un coaching individuale per la salute

Leggi tutto
mann-beim-trailrunning