Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Alle prime armi con il SUP? Segui questi consigli e ce la farai!

La moda di scivolare sull’acqua in piedi su una tavola dura già da diverso tempo. Dove possono esercitarsi i principianti? Cosa bisogna tenere presente per la scelta della tavola? Una panoramica.

Alla vista dei primi atleti che scivolavano sulle acque dei laghi, in molti hanno pensato ai pescatori polinesiani. Questi tempi sono finiti: ora chiunque lo desideri può noleggiare uno stand up paddle (o SUP) e cominciare a pagaiare sull’acqua.

Per chi è indicato lo stand up paddling (SUP)?

Questo sport è indicato per tutte le fasce d’età. Si deve però saper nuotare. 

SUP gonfiabile o rigido, lungo o corto?

Lo si decide in base al proprio peso corporeo e all'ambito di impiego. Più la tavola è lunga, maggiore è il peso che può sostenere. Le tavole lunghe offrono maggiore stabilità di scivolamento e di pagaiata ma sono meno manovrabili. Le tavole larghe sono più stabili di quelle strette. Ai principianti si consigliano tavole più larghe perché aiutano a mantenere l'equilibrio. Il più delle volte le tavole allround sono una buona scelta: sull'acqua sono stabili e ben manovrabili. Le tavole gonfiabili iSUP («inflatable Stand up Paddel») sono più leggere ma comunque robuste. Inoltre sono comode da trasportare. Quelle rigide sono invece più veloci e manovrabili. 

Dove si può praticare il SUP?

È consentito pagaiare in tutte le acque pubbliche, ma vietato in molte riserve naturali e ornitologiche nonché in acque private. Queste ultime sono generalmente rappresentate da piccoli laghi in ogni caso poco adatti a uno sport acquatico con tavola grande e pagaia, disciplina che richiede un certo spazio. Vicino alla riva e fin dove ci sono persone che nuotano si deve pagaiare inginocchiati sulla tavola.

SUP, meglio sul fiume o sul lago?

Nonostante sia consentito pagaiare anche sui fiumi, principianti e atleti inesperti farebbero bene a scegliere un lago, dove in condizioni meteorologiche normali non c’è troppo caos. È consigliabile infatti cercare luoghi con il minor numero possibile di persone in acqua, possibilmente nelle vicinanze di una stazione di noleggio se non addirittura di una scuola che offra corsi per principianti.

Per quanto riguarda i fiumi, chi si avvicina allo stand up paddle dovrebbe affrontarli solo con una guida esperta, meglio ancora un professionista. I corsi d’acqua impetuosi di Alpi e Prealpi non sono adatti al SUP e questo limita notevolmente la scelta.

Cosa portare sul SUP?

Dipende dal tipo di uscita. È necessario un dispositivo salvagente. È poi bene munirsi di indumenti in neoprene (a seconda della temperatura dell'acqua), abbigliamento anti-UV, crema solare, una borsa impermeabile per i vestiti, una custodia a tenuta stagna per il cellulare. Sulla tavola devono essere riportati in modo ben visibile il nome e l'indirizzo del proprietario. E a partire dai 300 metri di distanza dalla riva è obbligatorio avere un giubbotto salvagente. 

SUP: 3 consigli per principianti

La cosa migliore è frequentare un corso. Se tuttavia vuoi scendere in acqua direttamente, pur non sostituendo l’attività di consulenza e assistenza i seguenti consigli ti aiuteranno nei tuoi primi tentativi.

  • Specialmente se non frequenti un corso, chiedi un consiglio per la scelta della tavola da noleggiare. A seconda della statura, del peso e dell’agilità è necessaria un’attrezzatura completamente diversa.
  • All’inizio cerca di non pagaiare seguendo la direzione del vento e nemmeno di distenderti sulla tavola per riposarti. A causa di vento, inesperienza e muscoli non allenati rischieresti di dover richiedere soccorso nel bel mezzo del lago. È meglio iniziare pagaiando controvento, in modo da poter tornare rapidamente a riva se necessario.
  • Prova prima le diverse posizioni sulla tavola in condizioni di vento debole e con poche barche o nuotatori di disturbo. Cadere in acqua ogni tanto fa parte del gioco. Non rimanere immobile in piedi pensando che sia più sicuro: così non imparerai niente. Questo sport richiede un po’ di movimento. Anche in bici, in fondo, rischi di ribaltarti se vai a meno di 5-6 km/h...

Consigli per un'estate sull'acqua

Tutto sul tema

di Redaktion iMpuls,

pubblicato in data 16.06.2017, modificato in data 06.07.2023


Potrebbe interessarti anche:

Personal Health Coaching: Ti aiutiamo ad acquisire forza mentale

Vai!
mann-beim-trailrunning