Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Cosa fare contro il russamento?

Il russare disturba il sonno delle persone vicine ed è malsano per chi ne è afflitto. Continua la lettura per saperne di più sulle cause e sulle opzioni di trattamento.

In che modo il fatto di russare influenza la nostra vita?

Il russamento può essere semplicemente fastidioso, ma anche costare la carriera, favorire incidenti, ipertensione, diabete o infarto, portare incubi o tradursi in un pessimo rendimento scolastico. Chi si alza stanco la mattina, con la bocca secca o il mal di testa, è assonnato di giorno, meno efficiente e fa più errori al lavoro probabilmente russa di notte.

Cosa fare se il partner russa?

La cosa non è di per sé così grave, perché a quasi ognuno di noi capita di russare ogni tanto. Circa il 45 percento degli uomini e il 30 percento delle donne, tuttavia, russa regolarmente, con grande disappunto del rispettivo o della rispettiva partner. Nell’ambito di un sondaggio condotto tra persone con disturbi di russamento, un terzo ha riferito problemi relazionali legati a questa situazione. Camere da letto separate a casa e anche in vacanza sono una buona soluzione per dormire indisturbati. 

Perché russiamo?

Le cause del disturbo sono imputabili a un’ostruzione delle vie respiratorie, che può dunque manifestarsi prepotentemente anche in tenera età. In questo caso, ciò è dovuto perlopiù alla presenza di tonsille ipertrofiche. Queste ostacolano il passaggio del flusso d’aria durante la respirazione, il che favorisce già di per sé i rumori tipici del russamento.

Cosa succede al corpo quando si russa?

Se l’ostruzione è importante, si può arrivare a vere e proprie sospensioni della respirazione (apnee) durante il sonno, con potenziale apporto ridotto di ossigeno, il che può, a sua volta, comportare un aumento della pressione sanguigna, favorire la calcificazione arteriosa con conseguente deterioramento delle cellule produttrici di insulina nel pancreas.

Per compensare la carenza di ossigeno, l’organismo potenzia il risucchio durante la fase di aspirazione, cosa che fa aumentare a sua volta il rumore tipico del russamento, provocando frequenti risvegli notturni.

Cosa posso fare per evitare di russare?

  • Il russamento non è di per sé una patologia, ma quando comporta problemi di salute o di altro genere, è opportuno cercare di risolverlo.
  • La causa primaria del russamento è il sovrappeso. Cercare dunque di ridurre il proprio peso è la prima strategia da adottare, in quanto anche i cuscinetti di grasso nella gola possono restringere le vie respiratorie.
  • In secondo luogo, occorre evitare di assumere alimenti che rilassano le vie respiratorie, come ad esempio bevande alcoliche in orario serale o sonniferi.
  • La caffeina presente nel caffè mantiene, al contrario, libere le vie respiratorie, pertanto alcune persone che russano riescono a dormire meglio dopo una tazza di caffè serale.
  • Chi russa in posizione supina può rialzare la testata del letto, ma anche un apposito ausilio specialistico per mantenere la posizione laterale apporta notevoli benefici. La palla da tennis da cucire sul retro del pigiama, spesso consigliata, non risulta invece efficace poiché troppo piccola.
  • In presenza di ostruzioni nasali, sono utili i dilatatori nasali.
  • È bene evitare gli spray decongestionanti in quanto provocano rapidamente assuefazione e possono danneggiare la mucosa nasale.
  • Un’altra opzione è un bite dentale che eviti l’arretramento della mandibola durante il sonno.
  • Anche cantare o suonare il didgeridoo possono aiutare ad allenare la muscolatura del pavimento orale, ma su questo fronte sono necessari ulteriori studi.
  • Contro il russamento è disponibile tutta una serie di rimedi piuttosto discutibili: meglio consultare uno specialista prima di spendere soldi inutilmente!

Quando bisogna andare dal medico?

Spesso però, purtroppo, il russamento non è facile da risolvere, e se i piccoli rimedi fai da te non risultano utili, occorre consultare un otorinolaringoiatra per verificare la presenza di ostruzioni delle vie respiratorie. Esse possono, ad esempio, coincidere con un setto nasale deviato o un’ugola molto lunga. In presenza di tessuto connettivo teso ed elastico, in alcuni casi si può ricorrere a un intervento chirurgico. La maschera CPAP (Continuous Positive Airway Pressure) è un valido ausilio per chi russa e soffre di apnee notturne. Generando una leggera sovrappressione mantiene aperte le vie respiratorie. In caso di sospetta apnea, può essere consigliabile una polisonnografia.

Come far fronte ai disturbi del sonno

Tutto sul tema

di Dott. Hans-Wolfgang Mahlo,

pubblicato in data 05.10.2022


Potrebbe interessarti anche:

Vincere una delle 15 carte regalo Migros del valore di fr. 150!

Vai all'iscrizione