Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Chiudi

Vuoi vivere più sano?

Vuoi vivere più sano?

Linguaggi dell'amore: quale lingua dell'amore parli?

Ogni persona esprime il proprio amore in modo diverso: con parole affettuose, gesti carini o azioni tangibili. Chi conosce il proprio linguaggio dell'amore e quello della persona amata, è in grado di migliorare la propria relazione, afferma la psicologa Ursina Brun del Re.

Ovunque si sente parlare dei cosiddetti linguaggi dell'amore. Di che cosa si tratta esattamente?

La teoria dei «Love Languages» riguarda cinque modi diversi di mostrare il proprio amore al partner o di riceverlo dal partner. (Vedi riquadro)

Si può imparare questo linguaggio e, se sì, come si fa?

I cinque linguaggi dell'amore

Gary Chapman, il fondatore del concetto di linguaggio dell'amore, ha individuato cinque categorie:

  • Elogi e apprezzamento: Si tratta di parole di affermazione come complimenti, incoraggiamenti o frasi affettuose.
  • Momenti di coppia: Passare del tempo insieme è un modo per dimostrare il proprio amore.
  • Regali: Non si tratta di regali preziosi, ma di piccole attenzioni che dimostrano che conosci il tuo partner e lo pensi.
  • Disponibilità all’aiuto: In questo linguaggio l'amore si manifesta dando il proprio contributo in casa, facendo la spesa e così via.
  • Tenerezza: L'affetto fisico, come baci e abbracci, ma anche l'intimità sessuale hanno ruolo in primo piano in questo linguaggio.

Sì, in teoria si può imparare qualsiasi linguaggio dell'amore. Più linguaggi dell'amore si conoscono, più si possono usare in modo ampio. Come si imparano? Tutto ciò che serve è un interesse per il nuovo linguaggio. Poi si può pensare a qualche esempio. Ci si può anche guardare intorno nel proprio ambiente e copiare gli esempi di chi ha competenze in tale linguaggio. 

Come posso scoprire quale linguaggio dell'amore ho io e quale ha il mio partner o la mia partner?

Puoi parlare con il tuo partner e chiedergli in quale situazione sente il mio amore. Oppure puoi chiederti: l'ultima volta che mi sono scusato, cosa ho fatto di concreto? Ho cucinato il suo piatto preferito, gli ho regalato un libro o gli ho fatto un complimento?

Cosa succede se ho un linguaggio dell'amore diverso da quello del mio partner? È necessario trovarne uno comune?

Questa è una sfida. Ma diventa un problema solo quando non se ne è affatto consapevoli. Un esempio: conosco un uomo che non dice volentieri «ti amo» alla moglie, ma spesso cucina per lei con molto amore. Se la moglie riconosce che il fatto di cucinare è il suo modo di dimostrarle amore, può vedere il tutto in modo completamente diversa Non è necessario parlare la stessa lingua.

Quindi in pratica la cosa più importante è conoscere o riconoscere il linguaggio dell'amore dell'altra persona?

Sì, esatto. In caso contrario, se la moglie spera di ricevere dichiarazioni d'amore verbali e non riconosce che la cena preparata di lui è a tutti gli effetti un'espressione d'amore, allora può diventare un problema.

(Continuazione in basso...)

Contenuti collegati

Vai al Dossier

Da dove derivano questi linguaggi?

Il modo in cui gestiamo le relazioni è fortemente orientato a ciò che conosciamo. Siamo plasmati dai legami che abbiamo vissuto, ad esempio dal linguaggio dell'amore che abbiamo visto usare dai nostri genitori. Ma anche le relazioni passate possono influenzare il linguaggio. Naturalmente, esiste anche uno stile individuale che ogni persona sviluppa nel corso della sua vita e delle sue esperienze.

È possibile avere un repertorio di più linguaggi?

Sicuramente. Più ampio è, meglio ci si adatta a diversi partner. Può anche darsi che ti piaccia ricevere in una lingua diversa da quella in cui invii tu.

Devo comunicarlo al mio partner o devo sperare che lo capisca da solo?

Trovo molto difficile in una relazione sperare che il proprio partner scopra qualcosa. Pertanto, è sempre meglio comunicare ciò che si desidera avere. Questo costituisce una buona base per un dialogo costruttivo e consente di parlare anche delle differenze.

Ma ciò presuppone che entrambi siano pronti a questo dialogo.

Esatto. Trovo inoltre importante un'altra cosa: un compromesso non è una buona soluzione in questo caso. Si tratta più che altro di praticare la lingua del partner.

Quali sono i vantaggi in una relazione di coppia se si conosce il linguaggio dell'altro?

Questo non è sufficiente a risolvere problemi fondamentali in una relazione. Tuttavia sicuramente migliora la comunicazione tra i partner e può quindi aiutare ad affrontare i problemi in modo diverso.

di Rahel Schmucki,

pubblicato in data 04.09.2023


Potrebbe interessarti anche:

Consigli settimanali sulla salute nella newsletter di iMpuls che si adattano alla vostra vita.

Iscriviti ora e vinci
geschenk-icon1