Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Otto consigli su come prendersi cura del proprio fegato

Sempre più persone hanno problemi al fegato. Dieta corretta ed esercizio fisico possono prevenirli.

Niente funziona senza il fegato, che si trova sul lato destro dell'addome superiore. Esso serve a immagazzinare vitamine e nutrienti, a produrre proteine importanti, ad esempio per il sistema immunitario, e a disintossicare l'organismo quando ingeriamo alcol o altre sostanze nocive. Negli adulti, l'organo pesa circa 1,5 kg. Ecco come supportare il fegato:

Suggerimento 1: non mangiare troppo e fare delle pause per i pasti

Mangiare solo la quantità di cui il corpo ha realmente bisogno. Questo perché il fegato immagazzina le calorie in eccesso provenienti dal cibo sotto forma di grasso nelle cellule epatiche, e ciò può portare a un fegato grasso. Soprattutto i carboidrati ad alto indice glicemico, come quelli contenuti nel pane bianco o nel riso bianco, favoriscono l'accumulo di grassi. Fare delle pause tra un pasto e l'altro, perché gli spuntini frequenti stressano costantemente il fegato. Prevedere delle pause nell'arco di 12-16 ore. Un bicchiere abbondante di acqua calda o di brodo vegetale aiuta a contrastare gli attacchi di fame famelica.

Suggerimento 2: Ridurre lo zucchero al massimo

Evitare bevande dolci e cibi zuccherati. Ciò significa che si assumono calorie inutili che il fegato deve elaborare. Attenzione anche all'eccesso di frutta, ai frullati e ai succhi di frutta, perché il fruttosio in essi contenuto porta all'accumulo di grassi nel fegato. Preferire frutta a basso contenuto di zuccheri come mele, prugne, mirtilli, albicocche, pompelmo, avocado, kiwi, lamponi, preferibilmente in una o due porzioni al giorno. Poiché il fruttosio è spesso usato come dolcificante per i prodotti pronti, si dovrebbero evitare, se possibile, gli alimenti trasformati e i fast food.

Suggerimento 3: Assumere alcolici solo con moderazione

L'alcol è un veleno per le cellule, che viene scomposto nel fegato. In piccole quantità, il fegato può farcela, ma grandi quantità lo sovraccaricano e le cellule epatiche vengono danneggiate. Pertanto, per quanto riguarda l'alcol, è meglio bere regolarmente e con moderazione piuttosto che esagerare una volta alla settimana. Prendere nota della quantità tollerata individualmente. Per gli uomini, si tratta di circa 2,5 decilitri di vino o 0,5 litri di birra al giorno. Per le donne vale la metà. Sono sempre utili pause più o meno lunghe per l'assunzione di alcol, perché il consumo di alcol può portare al fegato grasso.

Suggerimento 4: Seguire una dieta varia

Una dieta varia ed equilibrata, ricca di alimenti vegetali e di fibre alimentari, favorisce la diversità dei microrganismi nell'intestino. Il microbioma, noto in passato come flora intestinale, sta diventando più vario e più sano. A causa del collegamento diretto tra il fegato e l'intestino, il microbioma ha un'influenza decisiva sulla salute del fegato. Consumare molte verdure, proteine sazianti (ad esempio noci, legumi, uova), farina d'avena e prodotti integrali. Questo fa bene anche al fegato.

(Continuazione in basso...)

Contenuti collegati

Suggerimento 5: Attenzione ai farmaci da banco

Molti farmaci vengono scomposti ed espulsi dal fegato, come ad esempio il paracetamolo, principio attivo molto comune. Esso è in grado di ridurre la febbre e alleviare il dolore, ma purtroppo può anche danneggiare il fegato se viene assunto troppo spesso o in dosi troppo elevate. Anche alcuni farmaci da banco a base di erbe possono danneggiare il fegato. Prima di assumerli spesso o per lungo tempo, è bene chiedere consiglio alla farmacia o al medico di famiglia. Questo vale anche per i danni epatici noti.

Suggerimento 6: Fare movimento

Meno si è in sovrappeso, meglio è per il fegato. Soprattutto il grasso nell'addome e intorno alla vita è spesso associato al fegato grasso. Un esercizio fisico regolare e moderato di circa tre ore alla settimana e lo sviluppo muscolare attraverso un allenamento di potenza, come flessioni, addominali e trazioni, aumentano il metabolismo e quindi la combustione dei grassi nel fegato.

Suggerimento 7: Trattare il «quartetto nocivo»

Nei Paesi occidentali dilaga la «sindrome metabolica», una combinazione di quattro fattori che nuocciono all'organismo: obesità, diabete, pressione alta e colesterolo alto. Chiunque soffra di una di queste condizioni dovrebbe farsi curare perché esse hanno un effetto negativo sulla salute del fegato.

Suggerimento 8: Controllare lo stato delle vaccinazioni

Anche le infezioni possono attaccare il fegato. Sono disponibili vaccini efficaci contro l'infezione da epatite B e da epatite A. Se non ancora effettuata nell'infanzia, la vaccinazione contro l'epatite B - a seconda del livello di rischio - può essere utile anche per gli adulti. L'epatite A è consigliata quando si viaggia in molti Paesi con standard igienici inferiori. Consultare in merito il farmacista o il proprio medico di famiglia.

di Dott. med. Christian Johannes Ambrosch,

pubblicato in data 13.12.2022


Potrebbe interessarti anche:

Vincere una delle 15 carte regalo Migros del valore di fr. 150!

Vai all'iscrizione