Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Chiudi

Vuoi vivere più sano?

Vuoi vivere più sano?

L’effetto delle erbe e delle piante medicinali

La farmacia direttamente dalla natura: come funzionano le piante medicinali e quali caratteristiche offrono in termini di qualità e applicazione.

Che cosa sono le piante e le erbe medicinali?

Sono piante con principi attivi in grado di alleviare disturbi e malattie. A seconda della pianta, vengono usati diversi organi a fini terapeutici: fiori, foglie, germogli, frutti, bacche o radici. Le piante medicinali sono note fin dall’antichità, e le loro applicazioni sono state scientificamente studiate fin dal 19° secolo. Sono circa 3000 le piante medicinali che si conoscono. «Piante medicinali» ed «erbe medicinali» sono termini usati come sinonimi. 

Come agiscono le piante medicinali?

A essere efficaci sono in particolare le cosiddette «sostanze vegetali secondarie». Ne esistono di diversi tipi, tra cui coloranti come flavonoidi e carotenoidi, fitoestrogeni (ormoni vegetali), glucosinolati, solfuri (fragranze e aromi), monoterpeni (fragranze e aromi), saponine (sostanze amare), inibitori della proteasi, fitosteroli (materiale di costruzione delle membrane) e lectine (glicoproteine), ma anche oli essenziali, vitamine, ecc. Queste sostanze sembra offrano diverse proprietà salutari: ad esempio, pare che siano in grado di proteggere da vari tipi di cancro e avrebbero effetti neurologici, antinfiammatori e antibatterici.

Nelle applicazioni delle piante medicinali, di solito non è solo il potere di una singola sostanza a dispiegarsi, ma l’intero spettro di effetti. Per esempio: nella salvia ad agire in concomitanza con diversi ingredienti sono le sostanze amare, i tannini e gli oli essenziali. Grazie a questa combinazione di principi attivi, le piante medicinali hanno meno effetti collaterali e possono essere utilizzate anche su persone che soffrono di più malattie contemporaneamente. 

Come vengono lavorate le piante medicinali?

Le piante vengono trasformate in varie forme medicinali a seconda della specie a cui appartengono. Si possono trovare essiccate oppure sotto forma di tè o tisane, unguenti, tinture, gocce, acque vegetali, spray, capsule, polveri e così via. 

La  qualitàdei medicinali vegetali è definita nei codici farmaceutici (farmacopee). I medicinali ufficiali possono essere utilizzati a scopo terapeutico solo se soddisfano i requisiti delle rispettive farmacopee per quanto riguarda l’identità, la purezza e il contenuto di principio attivo. «La qualità è molto importante per noi di Berg-Apotheke», afferma Nelly Richina: «Controlliamo sempre l’identità delle erbe e degli oli forniti in base alle normative più recenti e produciamo tutti i farmaci secondo gli standard della farmacopea».

Le piante medicinali possono essere coltivate nel proprio orto?

Alcune piante medicinali possono essere facilmente piantate per uso personale, ma sarà necessario dare prova di pazienza e avere delle conoscenze di base in orticoltura. Inoltre, la qualità e il contenuto di principi attivi delle piante coltivate in casa non sono garantiti. In farmacia, infatti, vengono utilizzate solo piante medicinali che soddisfano gli standard della farmacopea ufficiale. 

Quali sono le erbe medicinali svizzere più conosciute?

Importante: chiedere il parere di uno specialista per quanto riguarda il dosaggio, l’uso e la durata dell’assunzione. Un sovradosaggio può provocare effetti collaterali.

  • Biancospino, per il cuore. Si possono utilizzare fiori, foglie e frutti. Le procianidine e i flavonoidi sono i principali responsabili dell’effetto rinforzante sul cuore. I preparati a base di biancospino aiutano a contrastare i disturbi circolatori dei vasi coronarici, l’insufficienza cardiaca, la sensazione di pressione e di tensione nella zona del cuore e le forme lievi di aritmia cardiaca. È importante eseguire il trattamento su un lungo periodo di tempo (almeno 3-4 mesi).
  • Sambuco nero, per il raffreddore. I fiori e le foglie sono considerati un rimedio tradizionale diaforetico per febbre, raffreddore e tosse. Le bacche di sambuco contengono flavonoidi, olio essenziale nei fiori e vitamina C nelle bacche, che rafforza le difese dell’organismo.
  • Pimpinella, per il mal di gola. L’erborista Künzle ne raccomandava la radice per i disturbi dello stomaco. È usata anche come espettorante in caso di tosse, mal di gola o infiammazione della laringe. La pimpinella è una delle erbe presenti nelle caramelle Ricola.
  • Ippocastano, per le vene. I frutti contengono il principio attivo dell’escina, che sigilla le pareti dei vasi. Gli estratti di ippocastano possono alleviare la sensazione di pesantezza e gonfiore in caso di lieve insufficienza venosa e di vene varicose; sono utilizzati anche per le emorroidi.
  • Enotera, lenitiva per la pelle. I semi contengono acido gamma-linolenico, che ha un effetto antinfiammatorio. L’olio di enotera è indicato per la neurodermite o la pelle secca e viene utilizzato anche per la sindrome premestruale.
  • Arnica, per le contusioni da attività sportiva. Gli ingredienti contenuti nei fiori hanno un effetto antinfiammatorio e decongestionante. L’unguento all’arnica si applica su lividi, distorsioni o contusioni e in caso di edema da frattura e di dolori muscolari. La tintura di arnica pura va diluita con un rapporto di 1:10 ed è adatta per gli impacchi. Attenzione in caso di allergia nota alle piante composite. 
  • Valeriana, con effetto calmante. La radice di valeriana ha un effetto calmante e antistress. Per secoli, la valeriana è stata utilizzata per trattare i disturbi del sonno e come soluzione rilassante non assuefacente. Seppur rari, esistono casi di reazione contraria: sui gatti, ad esempio, ha un effetto stimolante e non rilassante.
  • Edera, per tosse e bronchite. Le foglie di edera hanno un effetto broncodilatatore, mucolitico ed espettorante e alleviano i sintomi delle malattie infiammatorie croniche dei bronchi e delle infiammazioni acute delle vie respiratorie. Le foglie possono però causare effetti indesiderati, come reazioni allergiche e disturbi gastrointestinali. Si consiglia dunque di utilizzare le foglie di edera sotto forma di tisana per ridurre al minimo la dose giornaliera. I medicinali standardizzati già pronti hanno dimostrato la loro validità. Le foglie fresche possono anche causare irritazioni cutanee. La polpa delle bacche, in particolare, è considerata tossica, soprattutto per i bambini.
  • Sinfito, per la guarigione delle ferite. La radice di sinfito favorisce la guarigione delle ferite e ha un effetto antinfiammatorio. La pianta è utile per tendiniti, dolori articolari e muscolari e borsiti, e favorisce la risoluzione degli ematomi.
  • Lavanda, dall’effetto calmante anche per la digestione. I fiori e l’olio essenziale calmano lo stress e l’inquietudine interiore, nonché la stanchezza. Hanno effetti antibatterici e stimolanti per il sonno e un'azione antifungina e sono generalmente ben tollerati. Per il mal di testa, si possono applicare sulle tempie l’olio o i fiori schiacciati. L’olio di lavanda può essere applicato goccia a goccia contro le punture di insetti. 
  • Iperico , migliora l’umore. L’erba è nota soprattutto come rimedio per la depressione lieve (tintura, capsule, compresse). La pianta può migliorare l’umore, alleviare l’ansia, il nervosismo e l’insonnia. Applicato esternamente, l’olio rosso allevia i dolori muscolari e nervosi e lenisce la pelle infiammata e secca. Sono possibili, ma rare, le interazioni rilevanti con i farmaci convenzionali. È quindi importante rivolgersi a uno specialista.
  • Camomilla, aiuta a contrastare le infiammazioni. Ha un effetto antinfiammatorio e antispasmodico sul tratto gastrointestinale e favorisce la guarigione delle ferite sulla pelle lesa e sugli eczemi. La camomilla è un ottimo rimedio per la flatulenza e le infiammazioni alle gengive e alla gola, se utilizzata per i gargarismi. I vapori caldi della camomilla possono essere inalati per contrastare raffreddore e tosse. Attenzione però in caso di allergia nota alle piante composite.

(Continuazione in basso...)

Quali piante medicinali usare a seconda del disturbo?

Ecco una breve panoramica non esaustiva delle applicazioni più comuni:

Disturbo / Quadro clinico

Piante medicinali, erbe medicinali

Influenza, raffreddore comune

Echinacea, lemna, geranio africano, nasturzio, altea, zenzero, echinacea, sambuco nero, eucalipto

Disturbi allo stomaco

Menta piperita, verbena, finocchio, papaia, zenzero, liquirizia, altea, carciofo, alchemilla, camomilla, melissa, achillea

Sindrome dell’intestino irritabile cronica

Franchincenso, mirra, malva, camomilla, tormentilla, menta piperita

Tosse

Edera, bavarese, sambuco nero, anice, violacciocca, timo, altea, muschio d’Islanda, verbasco, piantaggine, malva

Ritenzione idrica (edema) 

Asparago, prezzemolo, salsapariglia, ginepro

Stress, nervosismo

Valeriana, passiflora, luppolo, papavero dorato, melissa, fiori d’arancio, verbena, avena, luppolo, iperico

Cistite

Ortica, ginepro, verga d’oro, uva orsina, tisana indiana, equiseto, betulla, mirtillo nero

Disturbi reumatici

Sambuco di terra, artiglio del diavolo, fieno greco, sinfito, corteccia di salice, olmaria

Scarsa concentrazione / mancanza di energia

Ginseng, convolvolo, eleuterococco, radice di rosa, ginseng indiano, ginkgo

Ipertensione

Rauvolfia serpentina, aglio orsino, aglio, foglie di olivo, vischio, passiflora

Raffreddore da fieno

Farfaraccio, ribes nero, preventivo: cumino nero e busnaga

Nausea, vomito

Zenzero, melissa, galanga, finocchio

 

A cosa bisogna prestare attenzione durante il dosaggio?


Consultare uno specialista per quanto riguarda il dosaggio, l’uso e la durata dell’assunzione. Questo perché un sovradosaggio può provocare effetti collaterali: l’uva ursina in quantità eccessive, ad esempio, può causare problemi allo stomaco a causa del suo contenuto di tannini. Un’eccessiva quantità di ginseng può causare irrequietezza, disturbi del sonno e aumento della pressione sanguigna. Anche le modalità d’azione differiscono: ad esempio, il pieno effetto dell’iperico si manifesta solitamente solo dopo 10-14 giorni. Gli oli essenziali, invece, agiscono molto rapidamente perché vengono assorbiti dal flusso sanguigno. 

Quanto si conservano le erbe e le piante medicinali?

Se le erbe medicinali sono tenute all’asciutto e al riparo dalla luce (ad esempio, in un barattolo di alluminio o di vetro), si conservano per circa un anno. I semi con oli essenziali, come il cumino, devono essere schiacciati prima dell’uso. I semi contenenti olio devono essere chiusi ermeticamente e utilizzati rapidamente, altrimenti potrebbero irrancidire.

È possibile combinare piante medicinali e farmaci?

Ci sono alcune piante medicinali che non devono essere combinate con determinati farmaci: per esempio, l’iperico con la pillola contraccettiva e con i farmaci contro l’HIV e gli immunosoppressori. È importante rivolgersi a specialisti. 

Contenuti collegati

Vai al Dossier

di Petra Koci,

pubblicato in data 17.04.2024


Potrebbe interessarti anche:

Consigli settimanali sulla salute nella newsletter di iMpuls che si adattano alla vostra vita.

Iscriviti ora e vinci
geschenk-icon1