Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Inalazioni: un rimedio casalingo collaudato per raffreddore e tosse

Inalare vapore acqueo per sbloccare il naso chiuso o la tosse? Benefici e accorgimenti per le inalazioni.

Il naso è chiuso, la gola gratta e la tosse è già iniziata. Oltre ai gargarismi e alle irrigazioni nasali, le inalazioni sono un altro rimedio domestico collaudato per il raffreddore. Suggerimenti su come inalare e su chi non dovrebbe farlo.

Quando possono essere utili le inalazioni?

Un aiuto in caso di raffreddore, sinusite e tosse. L'inalazione di vapore acqueo può aiutare a umettare le membrane mucose e a sciogliere il muco. Le minuscole gocce d'acqua raggiungono le vie respiratorie in profondità, motivo per cui tale rimedio è molto utilizzato per la tosse. Può anche alleviare la raucedine. Le inalazioni sono un rimedio casalingo di provata efficacia per diverse malattie respiratorie. 

Cosa inalare?

Anche il vapore acqueo puro può avere un buon effetto. Alcuni aggiungono un po' di sale all'acqua o usano tisane medicinali, ad esempio la salvia per la raucedine o il timo per la tosse. «Prima di inalare oli essenziali o additivi speciali per inalazioni, è necessario chiedere consiglio», afferma la farmacista Barbara Hugelshofer, direttrice della farmacia Medbase di Winterthur. «Alcuni oli essenziali possono irritare ulteriormente le mucose. I bambini sono particolarmente sensibili a questo aspetto».

Cosa serve per l'inalazione?

Una bacinella e un asciugamano, oppure uno speciale inalatore di plastica con un imbuto. Se si desidera inalare più spesso e regolarmente, può valere la pena di acquistare un apparecchio elettrico tipo aerosol. Adatte anche ai bambini.

(Continuazione in basso...)

Contenuti collegati

Vai al dossier

Come si inala correttamente?

Versare l'acqua calda nella ciotola e aggiungere un cucchiaino di sale o una o due gocce di un olio essenziale adatto, a seconda delle esigenze. Tenere il viso sopra il vapore. Attenzione: è molto caldo e c'è il rischio di ustioni! "Usare solo acqua calda dal rubinetto e non acqua bollente», consiglia il farmacista. Se non si utilizza un inalatore ma una normale bacinella: non andare troppo in profondità con il viso, ma mantenere una distanza di sicurezza pari a circa due palmi. Mettere un panno sulla testa e respirare il vapore acqueo dal naso e dalla bocca. Ripetere per circa 10 minuti e poi lavare il viso.

Con quale frequenza si deve procedere alle inalazioni?

Per la congestione nasale, il raffreddore o la tosse, circa tre volte al giorno. Per prevenire le infezioni respiratorie, una volta al giorno.

Per chi non sono indicate le inalazioni?

Per i bambini, l'inalazione di additivi è consigliata solo dopo aver consultato il medico; per i bambini piccoli, l'uso di oli essenziali dovrebbe essere evitato del tutto. Inoltre, il rischio di scottature e di versamento di acqua calda è molto elevato per i bambini piccoli. I soggetti allergici non dovrebbero utilizzare additivi vegetali come la camomilla. Poiché il vapore acqueo arriva in profondità nelle vie respiratorie, gli additivi vegetali possono provocare forti reazioni allergiche.

di Susanne Schmid Lopardo,

pubblicato in data 22.12.2022


Potrebbe interessarti anche:

Gioca al nuovo gioco per smartphone e vinci una di 4500 carte regalo!

Gioca ora