Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Escursioni in zona gialla: come leggere la segnaletica escursionistica

La fedele compagna mentre ci si avvicina alla meta: la segnaletica. Il cartello giallo è diventato un elemento indispensabile della vita escursionistica quotidiana. Ecco come si legge.

1. Mi trovo qui

La parte bianca di un cartello indica dove ci si trova e a quale altitudine. Nell'esempio fittizio ti trovi sulla Spatzalp a 1345 metri sul livello del mare. Il termine "m" per i metri sul livello del mare è abbreviato per motivi di spazio. Circa due terzi di tutti i sentieri escursionistici in Svizzera sono di colore giallo, seguiti da poco meno di un terzo di sentieri di montagna contrassegnati dal colore bianco-rosso-bianco. L'1% è costituito da sentieri alpini bianco-blu-bianchi.

2. È lì che voglio andare

Perché la destinazione è a volte in cima e a volte in fondo al cartello? La logica è che più la destinazione indicata sul cartello è lontana, più è in basso. Casa Güggeli si trova quindi al di sopra di Adlerfluh.

3. Durata

I grigionesi sono i più veloci

Per determinare i tempi, anche dei volontari hanno percorso nuovi itinerari. I grigionesi inviavano spesso "scalatori in ottima forma" - il che riduceva le indicazioni di tempo sui cartelli rispetto agli altri. A partire dal 2026, i tempi si baseranno su una formula uguale in tutta la Svizzera. Il dominio dei Grigioni trema.

È possibile vedere la durata dell'escursione all'inizio della stessa. Il tempo totale senza interruzioni fino al traguardo è indicato lì. Il tempo mancante si trova anche nelle destinazioni intermedie del percorso e poco prima della fine.  Per motivi di spazio, "h" sta per ore.

(Continuazione in basso...)

4. Ecco quanto è difficile l'escursione

I cartelli gialli indicano sentieri ben curati e privi di tratti difficili. Adatti anche ai principianti. Le escursioni in montagna (bianco-rosso-bianco) richiedono un passo sicuro, un'ottima capacità di sopportazione delle altezze, una buona condizione fisica e scarpe da trekking. Inoltre, si snodano su terreni impraticabili e sono spesso ripidi, stretti e in parte esposti. Sui sentieri alpini bianco-blu-bianchi - la categoria più difficile - si incontrano anche nevai, ghiacciai o ghiaioni, terreni privi di sentieri e brevi passaggi di arrampicata. Solo per chi ha esperienza.

5. Dove devo svoltare

Un trattino indica il punto in cui il percorso successivamente si diramerà. Schwanensee e Meisenheim seguono inizialmente lo stesso percorso di Entenhausen al di sopra del trattino, ma dopo un po' si diramano. Il tempo indica quanto dura l'escursione a piedi dalla posizione alla destinazione.

6. Tempo per le pause ecc.

Treni, battelli, ferrovie di montagna e altri mezzi di trasporto pubblico fanno parte della segnaletica tanto quanto i punti di barbecue, i punti panoramici o i luoghi dove fermarsi a mangiare. I rispettivi simboli si spiegano da soli.

7. Desiderio di percorsi escursionistici

Gli adesivi verdi con il numero grande e il nome del percorso indicano interessanti percorsi escursionistici. Esistono percorsi locali, regionali e nazionali.

Contenuti collegati

Vai al Dossier

di Silvia Schütz,

pubblicato in data 06.07.2023


Potrebbe interessarti anche: