Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Mental Load: imparare a condividere il peso

Il più delle volte, sono le donne che tengono traccia dei tanti piccoli compiti della vita familiare quotidiana. Prima che arrivi a situazioni di esaurimento, le coppie dovrebbero parlare del tema del carico mentale.

Un bambino ha bisogno di scarpe nuove, un altro deve essere portato dal dentista e poi esercitarsi al pianoforte. Bisogna poi ricordarsi anche del compleanno della nonna e pensare a trovare subito un appartamento per le vacanze estive. Questi sono tutte piccole incombenze che richiedono, di per sé, poco tempo. Ma, nel loro complesso, richiedono invece molto talento organizzativo per garantire che la vita quotidiana scorra senza intoppi.

Chi sono i soggetti colpiti dal Mental Load?

Nei contesti familiari tradizionali, di solito sono le donne che si assumono la maggior parte delle incombenze, spesso arrivando al limite. Da alcuni anni, il termine tecnico che indica la situazione di cui sopra, in uso anche nelle aree germanofone, è Mental Load.

Il fatto che siano soprattutto le madri ad esserne vittima è perché sono queste ultime a svolgere ancora quasi il 70% dei lavori domestici in Svizzera. A causa dei comuni modelli di ruolo sociale, molte donne si sentono anche responsabili della gestione della vita familiare. Ma il Mental Load, in alcuni casi, riguarda anche gli uomini o le donne senza figli.

Il Mental Load può mettere a dura prova la relazione

«Per un lungo periodo di tempo e senza sufficiente riposo, il Mental Load può aumentare i livelli di stress», dice la psicoterapeuta Chow Ling Prager. Questo può manifestarsi sotto forma di disturbi di salute, irritabilità, disturbi del sonno, rimuginazione compulsiva, palpitazioni o tensione, e alla fine può portare alla depressione. «Il Mental Load colpisce tutta la famiglia e può mettere a dura prova le relazioni all'interno e all'esterno della famiglia», osserva la Prager, che ha lei stessa un figlio piccolo. Nelsuo ambulatorio, spesso riceve giovani madri di famiglia che sono psicologicamente molto provate.

Cause di stress da Mental Load

Spesso è coinvolto anche un certo perfezionismo. Le donne di famiglia amano confrontarsi con gli altri e si sentono ben presto inadeguate se le loro prestazioni non sono all'altezza delle turbo-mamme: l'appartamento deve essere sempre immacolato, i pasti sani e cucinati in casa e la festa di compleanno dei bambini perfettamente organizzata. Oltre al lavoro vero e proprio, anche la pianificazione e il coordinamento richiedono grandi sforzi. «Il lavoro quotidiano di pianificazione mentale è in gran parte invisibile, ed è per questo che spesso esso passa inosservato e non viene riconosciuto», sottolinea Chow Ling Prager. E consiglia alle coppie di discutere la questione sul nascere, prima che diventi un problema tangibile.

(Continuazione in basso...)

Contenuti collegati

5 strategie per affrontare il carico mentale

Comunicazione:

Rimanete in conversazione tra di voi. Raccontatevi le vostre esperienze nella vita quotidiana, cosa vi rende felici e cosa vi pesa. Nel farlo, cercate di evitare di incolpare gli altri. Ascolta attentamente il tuo partner ed esprimi apprezzamento e gratitudine - per esempio dicendo: «Vedo quello che stai facendo.»

Negoziazioni:

Stabilite insieme degli standard. Definite quali cose sono importanti, quali sono desiderabili e quali sono trascurabili.

Elenchi:

Elencate tutti i compiti in sospeso su una lavagna ben visibile. Inserite il tempo stimato per il completamento, la frequenza e la data in cui devono essere svolti e chi ne è responsabile. Anche i figli più grandi possono essere coinvolti. Chi si assume un compito lo deve portare a termine, dalla pianificazione al completamento. Cancellate ciò che è stato fatto, in modo da poter vedere ciò che vi siete già lasciati alle spalle. Ridistribuite regolarmente i compiti e valutate insieme se l'organizzazione funziona. Sistemi come i calendari familiari possono anche facilitare il coordinamento degli appuntamenti e delle responsabilità.

Momenti di riflessione:

Pensate a ciò che conta davvero. Fai qualcosa perché gli altri se lo aspettano da te o perché tu te lo aspetti da te stesso? Metti in discussione i tuoi standard e cerca di non puntare alla perfezione e di rilassarti di più. Se hai delegato qualcosa ad altri membri della famiglia, confida nelle loro capacità di portarlo a termine - anche se probabilmente in modo diverso da come lo avresti fatto tu.

Me-Time:

Prenditi deliberatamente del tempo extra fuori dalla famiglia per staccare la spina. Fai il pieno di energia e concentrati su te stesso/a.

di Andrea Söldi,

pubblicato in data 12.04.2022


Potrebbe interessarti anche:

Abbonati alla newsletter iMpuls e vincere una carta regalo Migros

Iscriviti subito e vinci