Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Cosa si nasconde nel rabarbaro

In cucina usiamo il rabarbaro come un frutto, ma in realtà è una verdura. Un'altra particolarità: contiene acido ossalico, che può essere dannoso se consumato in grande quantità.

Il rabarbaro ha iniziato la sua carriera 5000 anni fa come pianta medicinale in Cina. Da questo Paese, esso si è poi diffuso nello zarato russo - fino ai «barbari». Da qui il suo nome latino «rheum barbarum» (dei barbari). Nelle nostre zone, il rabarbaro si consuma da circa 150 anni.

Rabarbaro: frutto o verdura?

Frischer Rhabarber in einer Holzkiste
Frischer Rhabarber in einer Holzkiste
Conservare in luogo umido e fresco

Il rabarbaro si conserva per qualche giorno in frigorifero avvolto in un panno da cucina.

Il rabarbaro è un ortaggio, anche se viene spesso utilizzato come un frutto. Il motivo di tale classificazione si deve al fatto che in cucina se ne utilizza il gambo e non i frutti. I gambi sono piatti e solcati, crescono fino a 70 centimetri e presentano una larghezza fino a cinque centimetri. Occorre prestare poi attenzione alle estremità che precedono le foglie: esse contengono infatti grandi quantità di acido ossalico e sono dunque tossiche. Esistono diverse varietà di rabarbaro: quella con gambo e polpa verdi ha un sapore amaro e molto aspro. La varietà con gambo rosso e polpa verde lo è di meno, con un retrogusto acidulo. Il rabarbaro con gambo e polpa rossi, invece, ha un gusto dolce.

La stagione del rabarbaro: da aprile a giugno

La stagione principale della raccolta del rabarbaro va da aprile a giugno, ma i primi rabarbari di coltivazione in serra sono disponibili già dal mese di marzo. Dopo il 24 giugno la raccolta del rabarbaro dovrebbe cessare, in quanto il suo tenore di acido ossalico tende ad aumentare verso fine stagione.

(Continuazione in basso...)

Contenuti collegati

Rabarbaro: ridurre l'acido ossalico

Expérience gustative

Le goût de la rhubarbe varie en fonction de sa couleur. La rhubarbe à tige verte a un goût très acide, légèrement âpre. La rhubarbe à tige rouge, dont la chair est également rouge, dégage un arôme délicat de framboise. La saveur fraîche et acidulée de la rhubarbe s’harmonise très bien avec de nombreux aliments et épices.

  • Pulpe de vanille
  • Cannelle
  • Curry
  • Piment
  • Oignon
  • Miel
  • Gingembre
  • Pomme
  • Fraise
  • Babeurre
  • Poisson
  • Agneau

Il rabarbaro contiene molto acido ossalico, soprattutto nelle foglie. Se consumato in grandi quantità, l'acido ossalico può provocare casi di intossicazione. In quantità normali si può invece consumare senza problemi. Per evitare di assumere troppo acido ossalico, il rabarbaro va consumato preferibilmente con alimenti ricchi di calcio come lo yogurt. È vero che peggiora l'assunzione di calcio contenuta nel latticino, ma in compenso lega l'acido ossalico, che rischia di creare problemi. In questo modo l'intestino non è in grado di assimilarlo. Chi ha tendenza a sviluppare calcoli renali farà meglio a evitare il rabarbaro.

Si puòangiare il rabarbaro crudo?

Il rabarbaro, inoltre, va cotto. La cottura riduce infatti il contenuto di acido ossalico, che viene comunque riversato nell'acqua di cottura. L'acqua di cottura non va quindi riutilizzata per altri scopi. Le foglie di rabarbaro contengono più acido ossalico e non devono essere mangiate. sono velenose, e Devono essere eliminate insieme alla stipola. Il gambo va inoltre spuntato all'estremità e il vegetale va quindi pelato. Per la maggior parte delle varietà presenti sul mercato è sufficiente togliere le fibre all'estremità del gambo.

Rabarbaro e alluminio

L’acidità del rabarbaro è così elevata da attaccare l’alluminio che, pertanto, può finire nell’alimento stesso ed essere assunto insieme ad esso. Le pietanze a base di rabarbaro non devono quindi mai essere coperte con fogli di alluminio, né conservate in tegami o altri recipienti in alluminio.

Valori nutrizionali del rabarbaro

La densità energetica del rabarbaro è poca. Il rabarbaro sembra pertanto particolarmente adatto per perdere peso. Tuttavia, a causa del suo sapore aspro, spesso viene molto zuccherato - pratica che ovviamente annulla il suo potenziale ipocalorico.

 

 

Per 100 g, prodotto crudo

Per porzione = 120 g di prodotto crudo

Percentuale di copertura del fabbisogno giornaliero con una porzione 

Valore energetico

12 kcal 14 kcal  

Proteine

0,6 g 0,7 g  

Carboidrati

1 g 1,2 g  

Fibre alimentari

2,5 g 3 g 10%

Grassi

0,1 g 0,1 g  

Vitamina A

5 µg 6 µg

1% per uomini
1% per donne

Betacarotene

61 µg

73 µg

Ancora nessun valore di riferimento

Vitamina B1 (tiamina)

0,03 mg 0,04 mg

3% per uomini
4% per donne

Vitamina B2 (riboflavina)

0,03 mg 0,04 mg

3% per uomini
3% per donne

Vitamina B6 (piridossina)

0,03 mg 0,04 mg

2% per uomini
3% per donne

Niacina 0,3 mg 0,36 mg

2% per uomini
3% per donne

Acido folico

8 µg 10 µg

3%

Acido pantotenico

  0,12 mg

2%

Vitamina C

12 mg 14 mg

13% per uomini
15% per donne

Vitamina E

0,2 mg 0,24 mg

2% per uomini
2% per donne

Potassio

290 mg     348 mg

9%

Calcio

86 mg 103 mg

10%

Magnesio

13 mg 

16 mg

4% per uomini
3% per donne

Fosforo

19 mg 23 mg

3%

Ferro 0,3 mg 0,36 mg

4% per uomini
2% per donne

Zinco 0,2 mg 0,24 mg

2% per uomini
3% per donne


Fonte: Banca dati svizzera dei valori nutrizionali

di Claudia Vogt,

pubblicato in data 09.05.2017, modificato in data 30.06.2022


Potrebbe interessarti anche:

Calendario dell'Avvento Migros: Risolvi gli indovinelli e vinci

Gioca ora