Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Cosa contiene il cachi e come si mangia

Simile a un pomodoro arancione, il cachi è un frutto che proviene dalla Cina e ha conquistato il mondo intero. Ti sveliamo cosa contiene il cachi e se bisogna mangiarlo con o senza buccia.

Il cachi appartiene alla famiglia delle Ebenacee. Questi frutti arancioni ricordano i pomodori per forma e consistenza. In commercio sono reperibili anche le varietà Sharon e Persimon, generalmente più ovali e con una polpa più soda.

Provenienza e stagione dei cachi

Originario dell’Asia, l’albero di cachi è coltivato dai cinesi da oltre 2000 anni. Oltre ai paesi dell’Asia orientale, quest’albero oggi è presente anche in Brasile, Israele, California e in alcuni paesi dell’Europa meridionale come l’Italia. La stagione dei cachi va da ottobre a marzo. I suoi alberi, che possono raggiungere un’altezza di dieci metri, hanno una buona capacità di adattamento e non sono particolarmente esigenti, motivo per cui oggi possono essere coltivati persino in Svizzera. È prevalentemente il Ticino a offrire i cachi di provenienza locale.

Prodotti adatti

Come conservare i cachi

Prima dell’acquisto, bisogna verificare che i cachi non abbiano ammaccature. I frutti più sodi non hanno ancora raggiunto la piena maturazione, che va attesa prima di consumarli. Il modo migliore per accelerare questo processo è metterli vicini alle mele, poiché queste producono etilene, un gas che facilita la maturazione. Nel cassetto delle verdure in frigo, i cachi si conservano da due a tre settimane. Le macchie marroni nella polpa non rappresentano un problema e sono prodotte dall’elevata quantità di zuccheri contenuti.

Come preparare i cachi

Gusto

Il cachi è soprattutto dolce. Se è perfettamente maturo, vanta un aroma delicato di mango, pera, pesca, albicocca e vaniglia. Particolarmente buono con:

  • Aceto balsamico
  • Peperoncino
  • Noce di macadamia
  • Carne secca dei Grigioni
  • Maiale
  • Yogurt
  • Frutto della passione
  • Mela

I cachi possono essere mangiati con o senza buccia. Tagliando la parte superiore, è possibile mangiare la polpa direttamente dall’interno della buccia con un cucchiaio, come per il kiwi. In cucina, questo frutto esotico si presta per la preparazione di composte, confetture o puree. In una macedonia regala uno speciale tocco di colore e sapore, ma può essere impiegato anche per preparare portate saporite, ad esempio come ingrediente in una salsa per arrosto oppure in piatti indiani.

(Continuazione in basso...)

Cachi: tabella dei valori nutritivi

Oltre al fruttosio, il cachi contiene anche molto glucosio, che rifornisce velocemente il corpo di nuova energia. I cachi sono ricchi di betacarotene, che può essere trasformato dal corpo in vitamina A. 100 g di cachi coprono il 33% del fabbisogno giornaliero di vitamina A. La vitamina A contribuisce, tra l'altro, al mantenimento della capacità visiva normale. Soprattutto se consumati acerbi, lasciano una sensazione di bocca "stopposa" dovuta al contenuto di tannini.

 

 

Per 100 g, crudo Per porzione = 120 g (1 cachi crudo) Percentuale di copertura del fabbisogno giornaliero con una porzione
Valore energetico 76 kcal 91 kcal  
Proteine 0,64 g 0,77 g  
Carboidrati 16 g 19.2 g  
di cui zuccheri 16 g 19.2 g  
Fibre alimentari 2,5 g 3 g  
Grassi 0,3 g 0,36 g  

Vitamina A

267 µg 320 µg

33% per uomini
40% per donne

Betacarotene

1.6 mg

1.9 mg

Ancora nessun valore di riferimento

Vitamina B1 (tiamina)

24 µg 28.8 µg

2.4% per uomini
2.9% per donne

Vitamina B2 (riboflavina) 30 µg 36 µg

2.8% per uomini
3.6% per donne

Niacina 230 µg 276 µg

1.8% per uomini
2.5% per donne

Vitamina C

16 mg 19.2 mg

17.5% per uomini
20.2% per donne

Potassio 180 mg     216 mg

5.4%

Calcio

8 mg 9.6 mg

1%

Magnesio

8 mg 

9.6 mg

2.8% per uomini
3.2% per donne

Fosforo 25 mg 30 mg

4.3%

Ferro 370 µg 444 µg

4.4% per uomini
3% per donne

Zinco 38 µg 45.6 µg

0.3% per uomini
0.6% per donne


Fonte: Souci-Fachmann-Kraut

Scopri ulteriori frutti esotici

di Claudia Vogt,

pubblicato in data 24.11.2017, modificato in data 24.11.2022


Potrebbe interessarti anche:

Abbonati alla newsletter iMpuls e vincere una carta regalo Migros

Iscriviti subito e vinci